SLALOM

MADAFFARI EVOLVE IL BEETLE

Nuove soluzioni tecniche varate dallo specialista Gianluca Scaramozzino, per il Maggiolino turbocompresso. 


Un corposo booster nello storico TDI di 1896 cc con tecnologia iniettore-pompa da 132 hp originali, che grazie ad una nuova mappatura ad hoc ne innalzerà la potenza di una quarantina di cavalli. 

In primis. 

In secondis, via agli attuali cerchi d’acciaio stampato da 15 (foto) e dentro dei leggerissimi 13 pollici derivati da una barchetta sport, mantenendo i quattro dischi ventilati, nonché i cinematismi e gli attacchi VW, già concepiti in origine per la serie in pista. 

MADAFFARI EVOLVE IL BEETLE

I progressi attesi in termini dinamici, dovrebbero derivare dall’aumento della trazione, della direzionalita’ e della tenuta in appoggio grazie alla maggiore impronta al suolo dei nuovi pneumatici ed al diverso braccio a terra scaturito dalla differente gommatura. 


Ottocento i chili alla bilancia e quasi tredici gli anni di servizio di questo esemplare. 

MADAFFARI EVOLVE IL BEETLE

Due aree di lavoro ben distinte ma sinergiche per la prima versione Evo del Beetle di Madaffari, chiamate ad aumentare la quota prestazioni della simpatica e brillante berlinetta teutonica, in forze al pregiato garage del pilota di Reggio Calabria. 

Articolo di FRANCESCO ROMEO 

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker