Home » Salita » MAGLIONA SU OSELLA VINCE LA 28 IGLESIAS – S. ANGELO ED E’ CAMPIONE ITALIANO GRUPPO CN. A GRAMENZI SU ALFA 155 IL TITOLO DI E1.

MAGLIONA SU OSELLA VINCE LA 28 IGLESIAS – S. ANGELO ED E’ CAMPIONE ITALIANO GRUPPO CN. A GRAMENZI SU ALFA 155 IL TITOLO DI E1.

Successo del sassarese dell’Ateneo sulla PA21/S EVO Honda che ha conquistato il terzo Tricolore di categoria. Seconda piazza e miglior tempo in gara 1 per Merli su Radical SR4, davanti al giovane e bravo Antonio Lasia su Osella PA 20/S. Samuele Cassibba su Tatuus ha vinto il Trofeo Under 25. Accesa ed incerta l’undicesima prova di Campionato Italiano Velocità Montagna organizzata dall’AC Cagliari.

 

Iglesias, 7 ottobre 2012. Omar Magliona su Osella PA 21/S EVO Honda ha vinto la 28^ Iglesias – S. Angelo, la gara organizzata dall’Automobile Club di Cagliari, undicesima prova del Campionato Italiano Velocità Montagna.

Il sassarese della scuderia Ateneo, con la vittoria in casa è Campione Italiano Velocità Montagna gruppo CN. Per Magliona è stato determinante il successo in gara 2 dove ha rimontato un arrembante Christian Merli, che si è imposto in gara 1 con l’agile Radical SR4 Prosport, con la quale il trentino di Vimotorsport era all’esordio sui guidati 6.020 metri del tracciato sardo, dopo aver già vinto il Trofeo E2/B. Tra i due alla fine solo 72 millesimi di secondo di differenza, dopo i 75 a favore di Merli nella prima salita di gara. Podio completato da un altro giovane sassarese, Antonio Lasia al volante della Osella PA 20/S motorizzata BMW da 3000 cc, limitato da un problema alle sospensioni anteriori.

– “Il terzo titolo italiano di gruppo CN era il mio obiettivo e lo ho raggiunto – ha commentato un emozionato Omar Magliona – non sono partito carico al punto giusto in gara 1, poi alla seconda partenza qualcosa è cambiato ed il pubblico sardo mi ha dato una marcia in più. Ho cercato il titolo e non volevo farmelo sfuggire per un’esagerazione. Il lavoro della squadra e di tutti coloro che mi hanno affiancato è stato fondamentale”-.

– “Sono contento soprattutto perché si tratta del mio esordio su questo impegnativo, guidato ma molto affascinante tracciato – ha dichiarato Merli – ho attaccato perché era l’unica scelta, ma ho anche evitato esagerazioni, la biposto mi ha ben assecondato soprattutto dopo aver montato gomme nuove. In gara 2 Magliona è stato superlativo, ma se avessi forzato meno forse il distacco sarebbe stato inferiore”-.

-“Ho accusato un eccessivo sottosterzo per la rottura della barra di torsione in gara 1, che non mi permetteva di accelerare prima di aver completato la curva – ha spiegato Lasia – avrei avuto un buon margine ancora da usare. In gara 2 una barra troppo dura ha acuito il problema”-.

Sotto al podio un altro pilota sardo, Marco Satta che ha accusato un po’ di mancanza d’allenamento sulla Lola F.3000, con la quale non gareggiava dalla scorsa primavera.

Zampata vincente con il quinto tempo assoluto del teramano di AB Motorsport Marco Gramenzi, che è Campione Italiano Velocità Montagna di gruppo E1, contando appieno su un’Alfa 155 V6 al massimo della forma in seguito gli interventi alla trasmissione effettuati dai meccanici dopo le prove di ieri, in cui era emerso qualche problema. –“Un successo che devo all’efficienza ed alla bravura della squadra per gli interventi alla trasmissione della 155, dopo i problemi che erano emersi in prova”-. Sesto nell’assoluta con secondo posto nel tricolore ed in gara in gruppo E1, per il mai domo bolognese Fulvio Giuliani che ha chiesto ed ottenuto il massimo alla Lancia Delta EVO, -“Staccare le mani dal volante per cambiare in un tracciato tanto guidato non è il massimo. Gramenzi è andato davvero forte!”- ha spiegato il portacolori Ateneo. Con il settimo posto nella generale ed il secondo tra le monoposto di gruppo E2/M Samuele Cassibba su Tatuus F. Master ha vinto il Trofeo Under 25 del C.I.V.M., il giovane ragusano di Comiso alfiere della Catania Corse ha centrato l’obiettivo della trasferta sarda, dove ha usato molta intelligenza tattica e non solo aggressività. Con un ottimo acuto in gara 2 dove ha siglato il secondo tempo si è piazzato all’ottavo posto Franco Lasia sr. su Lola Zytek di F.3000, dopo una partenza in salita in gara 1. Top ten completata da due sardi che si sono contesi il terzo posto e la classe 2000 di gruppo E1, nono Giacomo Grussu su Renault New Clio e decimo Daniel Donisi su Opel Astra.

Esaltante duello ravvicinato a ridosso della top ten in gruppo N, dove tutto è rimandato all’ultima gara, dopo l’uno a uno sardo tra Vardanega e Montanaro. Il pugliese Oronzo Montanaro ha vinto con il successo in gara 2, ribaltando le sorti del gruppo che sembravano segnate dopo la prima salita. Vittoria di gara 1 per l’intramontabile trevigiano di Pubblimedia Lino Vardanega, che ha osato sul tracciato in cui era all’esordio, nonostante un fastidioso sottosterzo della Mitsubishi EVO X, determinante in gara 2 in cui è arrivato terzo. Due secondi e trentatre centesimi il distacco del pugliese della Fasano Corse in gara 1, che incurante del debutto sul difficile tracciato, ha chiesto ed ottenuto il massimo alla Honda Civic Type-R, che gli ha permesso di attaccare con successo in gara 2. Terza piazza per un’altra Honda, la Civic Type-R del sardo Ignazio Nonnis.

Per il maceratese portacolori ACN Forze di Polizia Abramo Antonicelli pieno di punti per la Coppa Superstars al volante della bella BMW M3, con cui ha migliorato notevolmente in gara la sua intesa con il tracciato.

In gruppo A, è matematicamente Campione Italiano il bolzanino Rudi Bicciato su Mitsubishi Lancer EVO, nonostante l’assenza in Sardegna. In gara successo e pieno di punti tricolori di classe 1600 per il veneto di Mach3 Sport Michele Mancin, che allungato le mani sulla Coppa di classe, dopo la scelta azzeccata di nuove mescole di gomme per la Citoren Saxo VTS. Podio di gruppo completato da due Renault New Clio di classe 2000 dei sardi Roberto Salaris e Alssandro Bellu. Fabio Carta ha vinto la Racing Start con la Renault Clio Wiliiams.

Diversi driver, tra cui il vincitore, hanno corso portando un adesivo di solidarietà per gli operai dell’Alcoa.

Classifica dei primi 10: 1. Omar Magliona (Osella PA 21/S EVO Honda) in 6’16”05; 2. Merli (Radical SR$ Prosport) a 0”72; 3. Lasia A. (Osella PA 20/S BMW), a 10”37; 4. Satta (Lola B02/50), a 24”86; 5. Gramenzi (Alfa 155 V6) a 26”07; 6. Giuliani (Lancia Delta EVO) a 33”18; 7. Cassibba S. (Tatuus F. Master) a 34”13; 8. Lasia F. (Lola Zytek) a 46”95; 9. Grussu (Renault Nw Clio R3) a 1’03”95; 10. Donisi (Opel Astra) a 1’04”19.

Classifica dei gruppi in gara. Racing Start: 1. Carta (Renault Clio Williams) in 8’35”35; 2. Deiana (Citroen Saxo VTS) a 40”40; 3. Farris C. (Fiat Nuova 500) a 50”29. Gruppo N: 1. Montanaro (Honda Civic Type-R) in 7’36”72; 2. Vardanega (Mitsubishi EVO X) a 0”71; 3. Nonnis (Honda Civic Type-R) a 3”18; 4. Canu (Mitsubishi Lancer EVO) a 5”73; 5. Aritzu (Citroen Saxo VTS) a 16”31. Gruppo A: 1. Mancin (Citroen Saxo VTS) in 7’48”87; 2. Salaris (Renault New Clio R3) a 8”07; 3. Bellu (Renault New Clio R3) a 32”32; 4. Ballò (Renault Clio RS) a 47”07; 5. Sanna (Peugeot 206 GTi) a 55”78. Gruppo E1: 1. Gramenzi (Alfa 155 V6) in 6’42”12; 2. Giuliani (Lancia Delta EVO) a 7”11; 3. Grussu (Renault Clio RS) a 37”88; 4. Donisi (Opel Astra) a 38”12; 5. Campus (Volkswagen Golf GTI) a 1’07”81. Gruppo CN: 1. Magliona (Osella PA 21/S EVO Honda) in 6’16”05; 2. Pusceddu (Lucchini Alfa Romeo) a 1’26”87; 3. Sivori (Herberth R3) a 1’49”25. Gruppo E2/B: 1. Merli (Radical SR4 Prosport) in 6’16”77; 2. Lasia A. (Osella PA 20/S BMW) a 9”65; 3. Palla (Osella PA 21/S) a 1’58”81. Gruppo E2/M: 1. Satta (Lola B02/50) in 6’40”91; 2. Cassibba S. (Tatuus F. Master) a 9”27; 3. Lasia F. (Lola Zytek) a 22”09; 4. Glicerio (Predator’s PC001) a 1’23”64.

 

Classifica CIVM dopo 10 appuntamenti. Gruppo Racing Start: 1. Chiavaroli punti 117; 2. Loffredo, 90; 3. Tacchini, 45; Gruppo N: 1. Vardanega punti 96; 2. Montanaro 87; 3. Regis, 61; 4. Mercati, 50,5; 5. Rea, 43. Gruppo A: 1. Bicciato 97; 2. Sambuco 74; 3. D’Amico 54,5; 4. Mancin, 44,5; 5. Stipani, 22,5. Gruppo E1 Italia: 1. Gramenzi, 109; 2. Giuliani, 104; 3. Nappi 76,5, 4. Amato, 27,5; 5. Di Giuseppe, 16,5. Gruppo GT: 1. Forato 88,5; 2. Cannavò 80; 3. Santuccione 36; 4. Provenzano, 6 Gruppo CN: 1. Magliona, 103,5; 2. Iaquinta, 94; 3. F. Conticelli F. 30; 4. Sivori, 21; 5. Bassi, 4,5. Gruppo E2B: 1. Merli punti 113,5; 2. Lombardi, 45,5; 3. Cassibba G., 43,5; 4. Cubeda, 32; 5. V. Conticelli, 30. Gruppo E2M: 1. Faggioli 90; 2. Cassibba S. 66; 3. Cinelli 41,5; 4. Pedrotti, 34,5; 5. Camarlinghi, 27. Assoluta: 1. Faggioli 96; 2. Merli 81,5; 3. Magliona 69; 4. Iaquinta, 43,5; 5. Cassibba S., 29.

Calendario Campionato Italiano Velocità Montagna 2012: 15 aprile, 40^ Vittorio Veneto Cansiglio; 29 aprile, 55^ Monte Erice; 6 maggio 58^ Coppa Nissena; 27 maggio  43^ Verzegnis – Sella Chianzutan; 10 giugno  55^ Coppa Selva di Fasano; 17 giugno 40^ Pieve Santo Stefano – Passo dello Spino; 1 luglio 62^ Trento – Bondone; 22 luglio 51^ Coppa Paolino Teodori; 26 agosto 47° Trofeo Luigi Fagioli, Gubbio Madonna della Cima; 9 settembre 14^ Cronoscalata del Reventino; 7 ottobre 28^ Iglesias – Monte S. Angelo; 21 ottobre 42° Trofeo Vallecamonica.

Maxi Car Racing

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

associazione piloti auto apa

LA PROPOSTA DI A.P.A. AD ACISPORT PER LA RIPRESA DELLE COMPETIZIONI AUTOMOBILISTICHE

Riportiamo interamente la lettere che A.P.A. ha inviato a Acisport in merito alla ripresa delle ...