Home » Slalom » MANGANIELLO BATTEZZA L’ELIA

MANGANIELLO BATTEZZA L’ELIA

Prima vittoria assoluta sulla nuova macchina del già campione italiano classe P2, che finalmente trova il giusto feeling con la barchetta calabra e fa sua la gara di Curinga.

Un percorso tecnico. Fatto di sperimentazioni, fatto di alcuni passi avanti ed altri inesorabili indietro. La presa di confidenza con la STR-09 di mamma Elia, vettura che in configurazione standard vanta già interessanti prestazioni di base, non ha lesinato momenti di difficoltà nelle scorse settimane a Vincenzo Manganiello, intento in questi mesi a personalizzare la propria sport compatta, secondo il suo personale stile di guida. Il chiudere alcune gare con performances al di sotto del suo abituale alto standard, lo ha spinto ad intensificare gli sforzi col proprio preparatore Lazzaro, così da cercare con pervicacia la via maestra per massimalizzare la resa del pack Manganiello-Elia.

A Curinga arriva il primo frutto di stagione della sua rediviva competitività, con una vittoria scaccia crisi che rilancia le sue ambizioni di pilota di livello e aggiunge una buona dose di feeling con la barchetta Made in Simeri Crichi. Contento il pilota campano lo è di certo, per una vittoria centrata perlopiù a gomme usate. Il Suzuki alle sue spalle però, ormai a fine vita utile, appare abbastanza sgonfio e passibile di qualche noia tecnica di troppo, come sempre può accadere quando un propulsore si avvicina alla fine del suo ciclo di servizio. Nella seconda manche ha azzannato le postazioni con la riconosciuta grinta ed incisività, centrando quel 2.12 di mezzo con cui si è messo alle spalle gli altri due veterani Elia Factory, Gaetano Piria e Alfonso Casillo: il primo allo start con le nuove carene alleggerite e il bilanciamento rivisto parzialmente da Ferragina ed il secondo dell’evento con l’esemplare per lui sconosciuto e meno aggiornato in uso sporadico a Tommaso Elia, restando così attardato nei timing e terzo nella classifica finale.

Il Campionato Calabrese Slalom 2017, con il ritorno agli abituali livelli di Manganiello, la piccola evoluzione tecnica di Piria e l’imminente ritorno in campo dell’Elia con un cuore Suzuki nuovo di pacco per Casillo, si rilancia per il cuore della stagione con prospettive di alta spettacolarità. Senza dimenticare le prossime partecipazioni estemporanee di altri specialisti dei birilli quali Miano e Polizzi, il primo col nuovo propulsore 1340 ed il secondo fedele ancora al mille, ma sempre al top come prestazioni complessive. Cinque Elia, per cinque potenziali protagonisti della stagione fra postazioni calabrese.

Francesco Romeo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

PILOTI PER PASSIONE: CIVM E CIS NEL 2020

Nello slalom tricolore di Melfi allo start Antonino Branca, Agostino Fallara e Gaetano Rechichi. Domenico ...