CRONOSCALATE

MERLI E OSELLAVON SOVRANI D’EUROPA

Replay del bis dorato del 2018 per il tricampione europeo e l’immortale ammiraglia tremila, egemoni nel Cem e nel Masters FIA 2021 con gomme AVON, commercializzate in esclusiva dall’AutoSport Sorrento. 


Non partiva con la sua più estrema evoluzione motoristica, non disponeva della più elevata cavalleria assoluta del Masters, ove non mancavano potenti barchette turbo straniere, mentre abbondava nella consapevolezza dello straordinario valore degli avversari Simone Faggioli  e Goffrey Schatz, su tutti.

MERLI E OSELLAVON SOVRANI D’EUROPA

L’uno e’ l’epocale rivale di sempre, Mister 26 Titoli, formidabile antagonista italico in mille cruente arene, l’altro è uno sceriffo con la stella ben dorata e capace di tempi fotonici al di là delle Alpi, turbizzato a dovere com’è sulla sua aeronautica Nova Proto, degna della carta d’imbarco. 

Christian Merli sapeva bene benissimo che per replicare il doppio proverbiale successo europeo di tre calendari fa, avrebbe dovuto attingere al suo sovrabbondante database di sangue gradiente iceberg ed all’efficienza sul veloce, ancora di riferimento, della sua tredicenne Osellona tremila. 

Due armi queste, con cui cannoneggiare a dovere qualunque avversa trincea. 


Nulla come la gomma però, come insegnano generazioni di ingegneri e di fatti da corsa, valida o invalida qualunque pack tecnico.

MERLI E OSELLAVON SOVRANI D’EUROPA

Fosse anche il migliore della storia. 

In una gara brevilinea da sparo e con temperatura più fresca, in cui i distacchi si misuravano in cifre mignon, le gomme AVON hanno assecondato alla perfezione gli implacabili automatismi di guida di Mago Merlino e la resa ancora apicale dell’eterna FA30, spinta da un possente cuore tre litri firmato LRM ed evacuato nei suoi gas da un più che efficiente scarico by SS Competition.

MERLI E OSELLAVON SOVRANI D’EUROPA

Tre manches tutte col pedale ad est parallelo al terreno, tre manches da gobbe nelle vene dei polsi e lancette stecchite a oriente, tre manches di cui una appena superiore all’1.01 alto, che consegnava al fuoriclasse trentino la seconda medaglia d’oro in carriera ed un epocale replay dell’ambo di platino Cem-Master FIA, già fatto suo nel 2018.

MERLI E OSELLAVON SOVRANI D’EUROPA

L’interazione costante fra la divisione tecnica dell’Avon e i suoi tester, proprio Merli fra le barchette sport, mostra il valore del sagace lavoro portato avanti dal brand inglese di pneumatici, che si espanderà nelle prossime settimane in altri compound da sviluppare, anche per le vetture col tetto addosso. 


Articolo di Francesco Romeo

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker