Home » Salita » Merli pronto per lo Spino con la Osella PA 2000

Merli pronto per lo Spino con la Osella PA 2000

977670_542615869110929_1603715720_oIl 3° appuntamento del Campionato Italiano Velocità in Montagna – girone Nord è in programma domenica, dove si corre la 41ª edizione della cronoscalata Pieve Santo Stefano – Passo dello Spino, vicino Arezzo.

Un percorso impegnativo, ricco di curve e tornanti con un passaggio in una zona di sottobosco, dove gli ultimi due chilometri sono velocissimi. Due le manche con lunghezza di sei chilometri l’una. Al via le Osella FA 30 di Faggioli, Volluz, Ducommun e Degasperi. Quindi le monoposto Lola 3000 di Bottura, Moratelli, Fattorini e la F. Renault 2000 di Gino Pedrotti.

Merli, al volante dell’Osella PA 2000 E2B, prosegue nel lavoro di messa a punto della sua biposto.

Le novità sull’ Osella di Merli

“In gara si collauderà il cambio al volante Powershift. Questo dovrebbe permetterci una maggior rapidità nei passaggi di marcia. Posso assicurare che in gara, il mezzo è molto sensibile. Ad oggi, quando stacco per una frazione di secondo la mano destra per cambiare, la nostra sport modifica lievemente la traiettoria. Quindi, ben venga la possibilità di tenere ambedue le mani sul volante”.

Il fine settimana del driver di Fiavè

“Arriviamo al parco assistenza, quindi le verifiche tecnico sportive e s’inizia a lavorare sulla vettura. Normalmente, non avendo termini di raffronto rispetto lo scorso anno dov’ero in gara con tutt’altra vettura, partiamo con un assetto standard. Dopo la prima prova, si procede ad eventuali modifiche. Non trascuro sicuramente d’effettuare qualche passaggio sul percorso con la vettura stradale per memorizzarlo”.

I parametri d’assetto

“Si parte svantaggiati. Faggioli, oltre alla sua bravura, gareggia con la sua FA 30 da cinque anni ed ha i parametri d’ogni gara. Noi, lo scorso anno eravamo in gara con la Radical, mentre nel 2011 c’era la Picchio. Vetture totalmente diverse tra loro. Siamo svantaggiati, certo, e dobbiamo trovare il giusto set up prima possibile”.

I momenti più estenuanti

“Sono le attese. Gli imprevisti. Quando siamo incolonnati e la corsa viene momentaneamente sospesa per qualche inconveniente. Sono pause eterne”.

Lo start

“Finalmente s’inizia. Motore acceso, svuoto la mente e sono totalmente concentrato sulla gara. Penso alla tal curva e mi dico di frenare più tardi. Oppure d’allargare la traiettoria in un altro punto. Mi sforzo di ricordare le cose che non vengono spontanee. Quindi si parte ed inizia la corsa. E’ sicuramente il momento più entusiasmante. Allo Spino, vista la concorrenza, mi piacerebbe entrare nei primi cinque”.

La classifica assoluta CIVM
1° Faggioli 20 punti, 2° Merli 15, Magliona 12, 3° Degasperi 10, 4° Bottura 7.

La classifica E2B
1° Merli punti 26, 2° Venturini 13.5, 3° Lasia 10.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

SCOLA DA RECORD A COLPI DI POWERSHIFT

Dopo il sontuoso terzo posto di Liber a Cividale, il campionissimo calabrese firma ad Erice ...