Cronoscalate

MICHELE FATTORINI E’ TERZO ASSOLUTO ALLA SUA PRIMA TRENTO-BONDONE

ADOLFO BOTTURA, NONOSTANTE I PROBLEMI AI FRENI, STRAPPA LA DECIMA POSIZIONE E GIANCARLO GRAZIOSI E’ SECONDO DI CLASSE


TRENTO – Prestigioso terzo posto assoluto per Michele Fattorini alla 66esima edizione della Trento-Bondone, considerata la gara in salita per eccellenza per la fama che la accompagna, creata in primis dagli impegnativi 17 chilometri e 300 metri di un tracciato nel quale curve e tornanti alternano in continuazione. Alla sua prima partecipazione a questa cronoscalata, sesta tappa di un Campionato Italiano di Velocità in Montagna (Civm) 2016 giunto al giro di boa, il 26enne pilota di Porano – in forza alla scuderia Speed Motor di Gubbio – è stato protagonista di una performance di tutto rispetto: la sua Osella Pa 2000 Evo ha infatti impiegato il ragguardevole tempo di 9’44”21 per coprire la distanza più lunga di questa specialità dell’automobilismo ed è stato il migliore fra gli esordienti alla Trento-Bondone. A ulteriore conferma della sua eccellente domenica, ci sono il secondo posto nel gruppo E2-SC e il primo nella classe 2000. Si è arreso soltanto ai due grandi rivali: Simone Faggioli su Norma M20 Fc, che ha stabilito il nuovo record in 9’07”66, creando una sorta di vuoto alle sue spalle e a Christian Merli su Osella Fa 30, che ha chiuso in 9’39”10; di 5”11 il ritardo di Fattorini da Merli e di 4”51 il distacco inflitto all’altra Osella di Domenico Scola. Un’impresa ulteriormente impreziosita dal fatto che in prova aveva disputato una sola manche. “Purtroppo pioveva e quindi non ho ritenuto di dover salire due volte – ha dichiarato Michele Fattorini – ma in compenso sono più che soddisfatto della mia prestazione da debuttante”. Una gara resa ulteriormente difficile dal fatto che, soltanto i migliori, rimangono al volante per una decina di minuti, secondo più-secondo meno; quindi anche la tensione e la concentrazione sono messe particolarmente alla prova per chi lotta contro il tempo. “Sì, è stata dura, perché è un tracciato difficile anche da memorizzare, però è andato tutto bene e non ho commesso errori in quella che sotto certi aspetti è la gara di casa: sono assistito dalla Trentino Team-Fattorini Motorsport, per cui il piacere è doppio e poi corro per la Speed Motor. Un sentito ringraziamento a entrambe”. Il team di Tiziano Brunetti ha di che esultare non soltanto per Fattorini: il “driver” del posto, Adolfo Bottura, rientra nella “top ten” proprio con il decimo piazzamento assoluto al volante della sua Osella Fa 30, nonostante …i freni: “Ho percorso gli ultimi 3 chilometri che li avevo quasi a zero – sottolinea Bottura – e a quel punto sono stato costretto a tirare un tantino i remi in barca per non rischiare. Alla luce di questo imprevisto, considero il decimo posto un risultato eccellente; peccato, perchè in condizioni normali avrei potuto migliorare di due-tre posizioni”. Bottura, salito in 10’14”03, è sesto di gruppo nella D/E2-SS e quarto nella classe 3000. Bene anche l’altro trentino, Giancarlo Graziosi su Tatuus Formula Master: secondo nella classe 2000 della D/E2-SS in 10’38”74 dietro un altro beniamino di casa, Diego Degasperi su Lola Honda e 13esimo assoluto, non dimenticando il piccolo incidente avuto nelle prove ufficiali con la vettura rimessa comunque a posto per la gara. Infine, sesto posto di classe, sempre nella 2000 della D/E2-SS, per il sardo Sergio Farris su Tatuus Formula Master in 11’17”06.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker