RALLY NAZIONALI

MOVISPORT PRONTA A GUSTARSI IL “BRUNELLO”

Trasferta di spessore per la scuderia reggiana, alla gara di Montalcino, dove sarà al via Alberto Battistolli ma saranno della partita Tonelli, “in odore” di titolo tra le due ruote motrici storiche, anche Dati e Melegari che torna con una Lancia Delta integrale.

Alla salita su terra di Tandalò in Sardegna rientro d’eccezione, con Gigi Galli, che tenta il bis dopo l’alloro del 2022.

Non poteva mancare la firma di Movisport al Rally del Brunello, una delle competizioni di rally più esclusive d’Italia, che si corre su strade decisamente “mondiali”.

Gara partecipatissima, a Montalcino (Siena), la patria del vino per eccellenza, sia per le vetture moderne che storiche, per queste ultime è anche l’atto finale del “tricolore”, dove Movisport ha interessi di alto profilo.

Si parte a parlare “di Brunello” con una doppia presenza di livello, come quella di Alberto Battistolli, stavolta in coppia Nicolò Gonnella sulla Skoda Fabia RS e quella di Emanuele Dati, che torna affiancato da Manuel Fenoli, anche loro con una Fabia, versione “evo”. Inutile dire che Battistolli punti al podio, avendo con la gara il classico “conto in sospeso” per via dell’incidente della passata edizione, quando voleva bissare il successo del 2021. Anche Dati da parte sua vorrà onorare al meglio la presenza in gara, peraltro in un plateau di partecipazioni di alto livello. Alto livello con anche, sempre nella “mise” Movisport, con al via due grandi interpreti delle strade bianche italiane, vale a dire Alessandro Taddei, con alle note Gaspari (Skoda Fabia) e Luca Hoelbling, con Grassi (Skoda Fabia). 

Molti dei riflettori saranno puntati sulla parte “storica”, ultima fatica stagionale del Campionato Italiano (CIRTS), una trasferta che potrebbe consentire ad Andrea Tonelli e Roberto Debbi con la loro rossa Ford Escort RS di raggiungere un traguardo incredibile, quello di centrare la doppietta tricolore. Guardando la classifica provvisoria della serie il reggiano potrà presentarsi in Toscana nell’invidiabile ruolo di lepre, potendo vantare ben trenta lunghezze sul primo degli inseguitori nell’assoluta due ruote motrici ed in quarto raggruppamento, vantaggio che sale a quota trentaquattro se si guarda alla fotografia di classe 3 GT-GTS 3-4 2000 2 ruote motrici. L’attuale leader non sarà chiamato soltanto a gestire questo importante gruzzoletto, avendo sul piatto anche una ghiotta occasione per dare il proprio contributo alla scuderia, attualmente in seconda posizione con un ritardo di diciannove punti dalla vetta. Tonelli e Debbi andranno poi alla ricerca del podio assoluto che sinora al “Brunello” gli è sfuggito.

Sempre tra le vetture storiche, rientro d’eccezione e di amarcord, con “the boss” (come lo chiama scherzosamente Nikolay Gryazin) Zelindo Melegari che scenderà in campo in una inedita versione “integrale” con una Lancia Delta integrale, affiancato dall’esperto Maurizio Barone.

Grande attesa poi per Gigi Galli. Il driver valtellinese torna alla Cronoscalata su Terra di Tandalò, in Sardegna. Il pilota valtellinese, funambolo delle quattro ruote ed autore di alcune delle più belle pagine del rallismo italiano nel mondiale rally degli ultimi vent’anni sarà nuovamente ai nastri di partenza dell’evento per difendere il successo ottenuto lo scorso anno. Lo farà al volante della sua Kia Rio RX con la quale dodici mesi fa si è cucito addosso lo scudetto di Re di Tandalò Galli ha risposto presente anche in questa edizione e si prepara ad entusiasmare il pubblico di appassionati che il prossimo weekend, dal 10 al 12 novembre, si raccoglierà ai bordi del tracciato di gara per assistere anche alle sue evoluzioni.

TRENTINO” E “HALLOWEEN” SEGNO

Al 1° Trentino Rally, a Mori (Trento) e la terza Ronde di Halloween a San Marino, ancora soddisfazioni per Movisport.  In trentino, con una Skoda Fabia, Denis Franchini e Paolo Scardoni, la loro terza gara stagionale l’hanno conclusa al 38° posto assoluto. Alle falde del “Titano”, invece son stati registrati due risultati da podio: Davide Incerti – Monica Debbi con la loro fida Citroen DS3 hanno chiuso al secondo posto di classe e Nicola Grisanti con Simone Sforacchi, sulla Renault Clio R3 i quali cercavano il podio di classe, lo hanno salito al terzo posto con merito.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio