CIR

MOVISPORT SI PRENDE “SAN MARINO” : GARA PERFETTA PER SCANDOLA-D’AMORE

Le grandi manovre “tricolori” all’ombra del Monte Titano hanno prodotto un nuovo ed esaltante successo per il pilota veronese, una soddisfazione che ha indorato la delusione per i ritiri di Basso e Crugnola soprattutto, ma anche di Pollara e Melegari.


Arriva, questo fine settimana un nuovo e articolato impegno anche all’estero, per il Campionato Europeo, con Gryazin e Scandola.

L’ultimo fine settimana di giugno per Movisport ha voluto dire una nuova vittoria, peraltro “tricolore”, grazie ad Umberto Scandola e Guido D’Amore, che hanno conquistato la loro seconda vittoria nel Campionato Italiano Terra, espugnando San Marino. La classica gara nell’antica terra della libertà, icona delle competizioni sterrate italiane e non solo è stata la classica gara perfetta per il pilota scaligero (al tris di vittorie dopo il 2013 e 2017), che adesso veleggia sempre più in testa al campionato delle strade bianche.

La prestazione pressochè splendida di Scandola e D’Amore ha indorato la delusione per non aver centrato altre soddisfazioni, quelle che si attendevano nel Campionato Italiano da Basso, Crugnola, Pollara e Melegari, tutti ritirati. A Giandomenico Basso, in termini di classifica provvisoria, il ritiro a fine gara per problemi elettrici, ha pesato pur se è rimasto sopra il podio provvisorio della classifica mentre la defezione di Andrea Crugnola è stata più pesante. Il varesino si è fermato per problemi ad un ammortizzatore e si è fermato – anche lui per problemi meccanici – Marco Pollara. Anche Zelindo Melegari ha dovuto giocoforza interrompere la serie positiva di piazzamenti nel Campionato tricolore di Gruppo N 4×4 a causa di un’uscita di strada dopo tre prove, complice la polvere.

Non è andata meglio a Guerra- Marchiori, sulla Mitsubishi Lancer fermi dopo cinque prove, mentre le soddisfazioni sono giunte, oltre che da Scandola pure da Bedini-Mucci e la loro Mitsubishi Lancer EVO IX terzi assoluti nella gara riservata alla Coppa Rally di Zona e da Patera – Canton (Skoda Fabia EVO) 14esimi assoluti, ottima prestazione in una gara decisamente campale. Oltre alla gara di san Marino vi era, lo scorso fine settimana, l’impegno al “Carnia”, vaido per la quarta zona del CRZ a coefficiente 1,5: si è ricomposta la coppia “di ferro” Andrea Casarotto – Fabrizio Handel, con la Renault Clio S1600, finiti in nona posizione assoluta (secondi di classe), con la solita prestazione in grade stile per l’equipaggio vicentino.


TORNA LA SERIE CONTINENTALE: GRYAZIN E SCANDOLA DI NUOVO ALL’ATTACCO, GRANDI ASPETTATIVE IN CASENTINO

Si profila un altro fine settimana, il primo di luglio, assai movimentato, per Movisport, con tre eventi e ben dieci portacolori in campo. La stagione 2021 del FIA European Rally Championship continua col Rally Liepāja, in Lettonia, dove la scuderia reggiana  metterà la firma di presenza con Gryazin-Aleksandrov sulla Volkswagen Polo R5 e riproponendo Scandola-D’Amore con la Hyundai i20, terza gara di fila per loro.

Nikolay Gryazin è reduce dalla delusione di due settimane fa in Polonia dove, dopo essere partito con decisione al comando venne fermato da una doppia foratura durante la settima prova speciale ed adesso conta il riscatto pieno in questa gara caratterizzata da prove speciali molto veloci, che peraltro ha vinto nel 2017 e 2018. Scandola ha invece in obiettivo di capitalizzare al meglio l’esperienza passata in Polonia, anche lì corsa su prove speciali assai veloci, diverse dai contesti italiani e certamente la condizione mentale della grande vittoria sammarinese avrà da essere vero e proprio propellente per un risultato atteso ai vertici.

Una cinquina di iscritti sarà al via al Rally Casentino, giro di boa dell’IRCup, a Bibbiena (Arezzo).

Tra le “stelle” Movisport propone Tosi-Del Barba (Skoda Fabia R5),  Michelini-Perna (Volkswagen Polo R5)


e Vellani-Maletti (Skoda Fabia R5). Tosi andrà alla ricerca del riscatto dopo la sfortuna sofferta al “Taro” un mese fa, estromesso dai vertici per un problema di idroguida, Michelini torna nella serie dopo una lunga assenza e siccome non correrà a Roma nel “tricolore” a fine luglio per motivi di lavoro, non volendo stare troppo tempo fermo (da inizio maggio) ha deciso di correre in una delle gare-simbolo della serie internazionale.  Grandi aspettative anche per Roberto Vellani, uno che riesce sempre ad essere protagonista in ogni gara dove si presenta ed anche in provincia di Arezzo è deciso a dire la sua. Al via in Casentino anche Luca Della Rosa – Fiorenzo Pancaldi su Renault Clio e Giuliano Giovani – Giuseppe Aldini su una Peugeot 106 rally.

Torna poi sulla scena nazionale un rally che fatto storia, il “4 Regioni”, che negli anni ottanta ha scritto grandi pagine di storia sportiva. La gara, con base a  Salice Terme (la storica location che viene riproposta) sarà al 50° anniversario e verrà certamente onorata da Giacomo Scattolon che torna a far coppia con  Giovanni Bernacchini sulla Skoda Fabia R5. Per Scattolon è la gara “di casa”, per Bernacchini il prosieguo di una storia da “grandi firme” iniziata con il padre Arnaldo, che al 4 Regioni negli anni ottanta vi ha corso in diverse occasioni.

Al via di Salice Terme, in un parterre esclusivo, vi saranno anche Ronny Di Stefano – Gloria Santini  (Skoda Fabia R5)

E Matteo Andreoli– Desiree Parazzi su Renault Clio S1600.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker