Home » Salita » CIVM » NEW GENERATION RACING: TRE PODI A LA CASTELLANA E QUATTRO DRIVER AD ERICE

NEW GENERATION RACING: TRE PODI A LA CASTELLANA E QUATTRO DRIVER AD ERICE

Cinque piloti agli scacchi nella scorsa tappa del Tivm per il motorteam calabro, che ora punta Erice con quattro driver iscritti.

La contabilità agonistica de La Castellana, tappa Tivm della provincia di Orvieto, non ha registrato nessuna vittoria di classe a bilancio del roster NGR. I tre podi di categoria messi a curriculum all’epilogo di questa crono però, sono da valutare in termini comunque positivi per qualità e quantità degli avversari allo start.

Martina Crocenzi, autrice di un interessante tempo finale, è stato l’asse mediano del suo folto plotone di categoria, centrando l’ottava posizione su ben 14 partenti di RS1400. Uno score che è conferma di una buona base di guida personale,  su cui lavorare per il prossimo futuro.

In RS 1600, Leonardo Angelucci si è guadagnato invece la quarta piazza di classe, restando così a ridosso del podio di categoria.

Luigi Cerva, uomo della prima ora del direttivo NGR, ha invece agguantato un ottimo terzo posto in Racing Start da litro e quattro: un risultato positivo già di per sé, che risulta ulteriormente impreziosito da un’ottima seconda posizione centrata in gara-2.

Tornando alla RS1600, resta ad alta quota la stagione di Gianluca Rodino, altro veterano di questo motor team di Tiriolo, che ha chiuso in seconda posizione di classe. La costanza di rendimento, è un quid estremamente importante per le vicende agonistiche della NGR.

Risultato di assoluto spessore che è arrivato anche da un’altra figura chiave del sodalizio calabro, quel Filippo Lacanna bravo a chiudere con la terza posizione di E1 1400, la sua esperienza orvietana.

A La Castellana dunque, i senatori in quota NGR hanno fornito quel boost supplementare di prestazioni, utile a mettere nell’archivio eventi 2019 tre preziosi podi in più.

Sguardo orientato ora verso la fascinosa crono Civm di Erice, tappa storica della massima platea italica della guida in pendenza, con quattro driver di casa a perorare la causa del team di Tiriolo, nella penultima sfida dell’ItalSalite 2019: Antonio Paone torna nel cockpit della sua potente roadster di E2SH-2000, accanto a Gianluca Rodino che invece continua la sua brillante stagione, ancora in RS 1600. Allo start della E1-Turbo da litro e sei troveremo Domenico Rotella, mentre alle fotocellule delle barchette di E2 SC da 1,4 litri, a traino delle vittorie e dei podi messi fragorosamente a segno negli scorsi mesi, ritroveremo Giuseppe Rubino.

Francesco Romeo
as New Generation Racing

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

Prima finale di CIVM per l’assoluto di gr. N a Lisi

Questo weekend è andata in scena la prima finale di CIVM, con la 61° cronoscalata ...