Home » Pista » TCR ITALY » Presentato oggi il nuovo Campionato Italiano TCR DSG Endurance

Presentato oggi il nuovo Campionato Italiano TCR DSG Endurance

Annunciata oggi all’autodromo di Monza la serie che punta a portare il motorsport agli appassionati. “Crediamo in questo progetto e pensiamo siano molti i piloti ai quali piace questo tipo di gare”, ha detto il Direttore Generale di ACI Sport Marco Rogano. “Correrò in una delle tappe”, ha annunciato Dindo Capello. Tra le novità, la realtà aumentata, per portare alcuni fortunati in gara con i piloti.

Oggi alla Sala della Regione dell’autodromo di Monza è stato presentato il Campionato Italiano TCR DSG Endurance, serie riservata alle vetture turismo TCR che montano il cambio DSG. Si tratterà di gare di due ore con due soste obbligatorie, per consentire di partecipare a equipaggi con uno, due o tre piloti.

Alla presentazione sono intervenuti il Direttore Generale di ACI Sport Marco Rogano, il Presidente della Commissione Velocità Gian Carlo Minardi, l’ideatore del TCR e responsabile di WSC Marcello Lotti, il team owner della Scuderia del Girasole Tarcisio Bernasconi, che si occuperà della gestione tecnica di questo campionato, Alexander Hecker, in rappresentanza di Audi Sport Customer Racing, e Stefano Tagliapietra di CUPRA Italia.

Presenti anche i piloti Dindo Capello e Salvatore Tavano, in rappresentanza dei marchi Audi e CUPRA, con il campione in carica del TCR Italy che è sceso in pista con la sua Cupra DSG, per condividere con i numerosi presenti la nuova tecnologia della realtà aumentata che consente a chi indossa uno speciale visore di avere una visuale a 360 gradi dell’abitacolo e di interagire in diretta con lo stesso pilota.

Presentata anche la locandina del campionato, disegnata dal vignettista e caricaturista ‘Matitaccia’ – al secolo Giorgio Serra – che ha dato una sua interpretazione colorata interpretazione del ‘villaggio’, ovvero l’area del paddock che sarà dedicata al campionato TCR DSG Endurance e nella quale saranno ospitate diverse attività.

“Crediamo in questo progetto e riteniamo siano molti i piloti ai quali piace questo tipo di gare. Mancava un campionato di questo tipo. Ci serviva un supporto forte a livello tecnico e quando abbiamo iniziato a parlarne è stato trovato facilmente un accordo con la Scuderia del Girasole di Tarcisio Bernasconi. A questo punto ci aspettiamo l’appoggio di Marcello Lotti, il grande del TCR, ma quello non ci è mai mancato, e di vedere in pista tanti piloti e auto considerando anche i costi accettabili”, ha detto Marco Rogano.

“Nella nostra strategia TCR abbiamo sempre evitato di dare autorizzazione a campionati per le DSG, che appartengono solo al Gruppo Volkswagen. ACI Sport e Bernasconi ci hanno però presentato un progetto molto allettante. Le premesse per organizzare una serie di livello e interessante c’erano tutte, dunque si è deciso di fare questo esperimento che è una novità mondiale”, ha detto Marcello Lotti. “C’è tutto per avere successo: le auto DSG hanno un’ottima performance e costi gestionali accessibili a tutti. Siamo curiosi e vicini a questo campionato in questa prima esperienza”.

Tarcisio Bernasconi ha illustrato il format di gara e le diverse novità, tra le quali la gara sprint che si svolgerà al termine della prima mezz’ora di prove ufficiali e che deciderà la griglia di partenza della corsa dell’indomani.

Quella che parte nel 2019 è una bella novità, ACI Sport è sempre presente sui campi di gara e crediamo che questo campionato possa incrementare la partecipazione di piloti e team grazie all’ottimo lavoro di Tarcisio Bernasconi”, ha aggiunto Gian Carlo Minardi.

E’ intervenuto anche il direttore del Monza Eni Circuit Pietro Benvenuti, che ha portato il suo saluto. “Pare essere un campionato molto bello, importante e con macchine stupende. Sono molto contento che questa serie parta da Monza”, ha detto.

La parola è passata poi a Dindo Capello, al quale è stato chiesto di spiegare il fascino delle gare endurance, forte della sua grande esperienza che gli ha consentito di vincere tre volte la 24 Ore di Le Mans.  “L’endurance è una scuola di vita. E’ una specialità che considero la regina del motorsport, perché ti insegna il rispetto per il compagno di squadra e per il team, per chi lavora per mandarti in pista. E’ brutto fare un errore e distruggere il lavoro di altre persone: è una cosa di cui ho fatto tesoro nella mia vita e ne sono promotore”.

Dindo Capello ha poi parlato del campionato TCR DSG Endurance. “Questa serie ha tutte le caratteristiche per sfondare, può coinvolgere un’ampia platea di piloti, dal giovanissimo che viene dal kart e decide di assaporare subito una macchina da competizione, al pilota gentleman che riesce divertirsi in un weekend di gara ad alto livello senza dover spendere troppo denaro e tempo. Dunque, dai piloti più giovani ai più anziani, che possono insegnare ai primi tante cose. C’è un confronto fra generazioni che possono mettere in luce le proprie qualità anche strategiche.

 “Per entusiasmare, un campionato deve offrire auto belle esteticamente, affidabili dal punto di vista tecnico e competitive quanto a prestazioni. Credo che il campionato TCR DSG Endurance abbia tutte queste caratteristiche”, ha aggiunto Capello.

Dindo Capello ha anche accettato la sfida di tornare a correre, su una macchina VIP, in una delle tappe della stagione del TCR DSG Endurance.

“E’ l’occasione buona per togliere un po’ di ruggine essendo un paio di anni, anche tre, che non salgo su una macchina da gara”, ha concluso Dindo Capello.

“Secondo me il punto forte di questo nuovo campionato è lo sforzo di portare il motorsport e i piloti vicini al pubblico. Gli appassionati devono essere inseriti nel paddock in modo da vedere i concorrenti e conoscerli, una cosa che si è un po’ persa”, ha aggiunto Salvatore Tavano, campione in carica del TCR Italy.

Infine la parola è passata ai rappresentanti di due Marchi attesi protagonisti del nuovo campionato. “Abbiamo molto apprezzato l’impegno nel realizzare questo campionato”, ha detto Alexander Hecker di Audi Sport Customer Racing. “Era qualcosa che mancava nel panorama del motorsport internazionali e potrà portare in pista sia i piloti giovani sia i gentlemen. Penso che ce ne fosse bisogno e che il livello di competizione potrà essere molto alto”.

“E’ importantissimo portare il pubblico a contatto con il mondo del motorsport, è un valore aggiunto e ce n’è bisogno. Per Cupra il 2019 è un anno importante perché siamo impegnati in prima persona e presenti sulle piste”, ha aggiunto Stefano Tagliapietra, di Cupra Italia.

Ospite d’eccezione nel pubblico la show-girl Cristina Buccino, balzata alla notorietà per la sua partecipazione all’Isola dei Famosi, e che ha espresso il suo interesse per il nuovo campionato, dichiarando la sua passione per la velocità.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

TCR ITALY: Weekend in crescendo per Davide Nardilli a Misano

Nel secondo round del TCR Italy il pilota barese porta a casa due solide Top10. ...