TROFEO SUPER CUP

PRIMO SUCCESSO STAGIONALE PER IL TEAM SIX ENGINEERS NEL TROFEO SUPER CUP

Nel round inaugurale di Magione, la scuderia parmigiana conquista il successo in classe Turismo 1 con il duo Berton-Dolci nella prima manche. Positivo esordio con podio per Andrea Tronconi.

Primo week-end stagionale e prime grandi soddisfazioni per il team Six Engineers, impegnato nel Trofeo Super Cup nella nuova categoria Endurance. Sul circuito umbro di Magione, la scuderia diretta da Gabriele Camisa ha aperto nel migliore dei modi la propria annata agonistica, conquistando un bel successo di classe nella prima manche con il duo formato da Alessandro Berton e Federico Dolci. Il positivo risultato di squadra è stato impreziosito anche dal terzo gradino del podio colto da Andrea Tronconi, al proprio debutto in gara al volante della Seat Leon DSG.

Qualche noia tecnica e un pizzico di sfortuna hanno poi condizionato il risultato finale di gara-2, con entrambe le vetture che si sono piazzate ai piedi del podio. Il bilancio complessivo del fine settimana è da considerarsi ampiamente positivo, grazie alle eccellente performance mostrate in pista e alla coesione del gruppo di lavoro manifestata nell’arco delle varie sessioni.

Il week-end di Magione rappresentava la ‘prima’ assoluta della Super Cup Endurance, la nuova categoria organizzata nell’ambito della serie promossa da Giordano Giovannini e caratterizzata da un format che prevede lo svolgimento di due manche da 50’ cadauna, con sosta ai box obbligatoria e possibilità di effettuare il cambio pilota.

Il team Six Engineers si è calato subito al meglio nella parte, evidenziando una reciproca collaborazione tra piloti, ingegneri e meccanici che ha portato ad un primo, eccellente risultato in qualifica. Nella prima sessione, Tronconi ha realizzato un eccellente terzo tempo assoluto in 1:15.163, precedendo per pochi decimi il compagno di colori Federico Dolci. Il rookie di casa Six Engineers si è poi ripetuto anche nella sessione valevole per determinare la griglia di gara-2, piazzandosi a pochi millesimi dalla prima fila; Berton, salito in vettura al posto di Dolci, ha realizzato a sua volta un positivo quinto tempo mettendosi alle spalle la Porsche Cayman GT di Boga.

Il via di gara-1 ha visto Tronconi e Dolci piazzarsi immediatamente alle spalle della Maserati Granturismo di D’Angelo, riuscendo a tenere a bada i veementi attacchi della Leon di Bolzoni. La situazione è rimasta immutata sino a poco prima della Pit Window, quando Tronconi ha commesso un piccolo errore in curva 1 finendo per cedere il passo al compagno di squadra e subito dopo anche a Bolzoni. Nel valzer dei pit stop, il team Six Engineers ha compiuto il lavoro in maniera egregia, consentendo al subentrato Berton di ritrovarsi in pista addirittura davanti alla Maserati. Nonostante uno strenuo tentativo di difesa, il pilota lombardo è stato poi costretto a cedere il passo alla più performante vettura bolognese, riuscendo però a tenere agevolmente a bada la vettura gemella di Marchesini. Alla fine, per il team è arrivato un meritato successo di classe, con il podio che ha visto come protagonisti tutti e tre i piloti della scuderia.

Come avviene talvolta nel mondo delle corse, le cose non sono andate altrettanto bene nella seconda manche, nonostante gli sforzi profusi dai piloti e dai membri dello staff. Lo start ha visto subito uno scatenato Berton guadagnare una posizione ai danni di Trentin e portarsi immediatamente a ridosso del compagno Tronconi. Le posizioni sono rimaste immutate sino alla sosta obbligatoria ai box, quando Dolci ha preso il posto di Berton. Sfortunatamente, poco dopo essere rientrato in pista il giovane pilota genovese ha accusato un problema alla sospensione che lo ha costretto a rientrare ai box, perdendo molti giri. Ciò nonostante, la caparbietà e la tenacia degli uomini Six Engineers ha avuto la meglio: dopo una riparazione effettuata a tempo di record, Dolci è stato rispedito in pista nei minuti finali, riuscendo a transitare sotto la bandiera a scacchi seppur ormai fuori classifica. Complice un innocuo testacoda nel punto più difficile del circuito, Andrea Tronconi non è invece riuscito a bissare il podio del giorno precedente, chiudendo con la quarta posizione di classe.

Alessandro Berton (Pilota Six Engineers): “Il nostro week-end è stato…a luci e ombre. Siamo riusciti a centrare un bellissimo successo in gara-1, frutto di un’accurata gestione e di un lavoro corale da parte di tutto il team. Purtroppo un guaio tecnico ci ha tagliato fuori dalla possibilità di lottare per la vittoria anche nella seconda manche, ma le corse sono fatte anche in questo modo. Desidero ringraziare il team perché non ha mai smesso di crederci. Adesso non vediamo l’ora che arrivi l’appuntamento di Misano per giocarci nuovamente le nostre carte!”

Federico Dolci (Pilota Six Engineers):Il week-end è partito un po’ in salita, ma siamo riusciti a migliorare progressivamente l’assetto e a realizzare una buona prestazione in qualifica. In gara siamo riusciti a cogliere un bel successo di classe in gara-1 e puntavamo a fare altrettanto nella seconda manche: purtroppo un guaio alla sospensione ci ha penalizzato, ma i meccanici sono stati bravissimi nel riparare il danno e a consentirci di rientrare in pista, anche se ormai la situazione era compromessa. Ringrazio la mia famiglia e i miei sponsor per il supporto, al pari di tutti i componenti del team con i quali condividiamo una grande ambizione e voglia di vincere!”

Andrea Tronconi (Pilota Six Engineers): Il bilancio è complessivamente positivo. La qualifica è andata molto bene e sinceramente non me lo sarei aspettato, vista la mia scarsa esperienza con le vetture Turismo. Dopo un bel podio in gara-1, siamo riusciti a migliorare l’assetto in vista della seconda manche, dove purtroppo abbiamo pagato un mio piccolo errore di guida che ci ha impedito di bissare il risultato. Siamo comunque molto contenti e fiduciosi, anche perché pensiamo di poterci presentare nelle migliori condizioni in vista della prossima gara!”

Gabriele Camisa (Team Principal Six Engineers): “Al di là dei risultati ottenuti, il giudizio sul fine settimana è sicuramente positivo. Si trattava della nostra prima esperienza in una gara Endurance, dunque abbiamo potuto accumulare molta esperienza senza commettere errori, il che è stato molto importante e significativo. Dopo un grande risultato in gara-1, siamo stati poco fortunati nella seconda manche, anche a causa di un guaio alla sospensione. Devo dire però che i nostri meccanici sono stati bravissimi, riuscendo a risolvere il problema in pochi minuti e rispedendo la macchina in pista in condizioni di sicurezza. Un plauso a loro e ai nostri piloti, che si sono dimostrati molto veloci, affidabili e determinati. Vorrei ringraziare tutti gli sponsor che ci danno fiducia e condividono i nostri valori. Ora ci concentriamo verso il prossimo round di Misano, come sempre carichi per cogliere un grande risultato!”

Il team Six Engineers tornerà in pista nel Super Cup Endurance in occasione del secondo appuntamento stagionale, in programma sul circuito di Misano Adriatico nel week-end del 21-23 Maggio.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio