Home » Rally » RALLY DELLA FETTUNTA, PROJECT TEAM NELLA TOP TEN

RALLY DELLA FETTUNTA, PROJECT TEAM NELLA TOP TEN

SUI SELETTIVI ASFALTI DEL FIORENTINO, UN INCORAGGIANTE PRIMATO DI CLASSE PER CHRISTOPHER LUCCHESI (PEUGEOT 208 R2), ASSISTITO ALLE NOTE DALLA MADRE TITTI GHILARDI AL MONZA RALLY SHOW HISTORIC, BUON PIAZZAMENTO E TEMPI DI ASSOLUTO RILIEVO PER L’ALTRO PORTACOLORI FOFÒ DI BENEDETTO (BMW M3), NAVIGATO PER L’OCCASIONE DALL’ESPERTO PAI RIGGIO

Epilogo stagionale degno di nota per il giovane toscano Christopher Lucchesi che, seppur al debutto del 6° Rally Day della Fettunta, ha conquistato il primato in una combattuta classe R2B concludendo, altresì, ottavo assoluto. Il portacolori della scuderia Project Team, presentatosi al volante della Peugeot 208 R2 della GF Racing e assistito alle note dalla madre Titti Ghilardi, navigatrice di lungo corso, ha affrontato i selettivi asfalti del Fiorentino col giusto piglio sin dall’avvio, guadagnando la leadership di categoria al termine della terza prova speciale delle sei disputate per difenderla autorevolmente sino alla bandiera a scacchi. «Più che soddisfatto. Risultato e prestazione che ci gratificano dopo un’annata agonistica di delusioni e che fanno da buon viatico in ottica 2020» – ha sottolineato Lucchesi all’arrivo – «D’altronde, come già dichiarato alla vigilia, era anche un’occasione per affinare l’intesa tanto con la vettura quanto col team. Abbiamo lavorato molto sull’assetto, apportando continue modifiche e sempre in totale sinergia con la squadra. Soluzioni che, difatti, mi hanno permesso di migliorare ad ogni passaggio, scalando sì la classifica pur senza mai incorrere in inutili rischi. La gara, per me del tutto inedita, si è rivelata abbastanza impegnativa per via delle mutevoli condizioni del manto stradale, per nulla facile da interpretare: si passava dall’asciutto, all’umido, fino a tratti un po’ sporchi per la presenza del sottobosco. Ad ogni modo, ottima l’organizzazione così come il tracciato stesso».

Altro fronte a differenti latitudini per l’altro alfiere del sodalizio presieduto da Luigi Bruccoleri, ovvero, Alfonso “Fofò” Di Benedetto. Reduce dal debutto con la Bmw M3 E30 curata da Angelo Racing, nell’ambito del Monza Rally Show Historic, il pilota siciliano si è piazzato secondo nel 4° Raggruppamento e quinto in una classifica generale ideale (non contemplata dalla specialità). Affiancato nell’abitacolo dall’esperto corregionale Pai Riggio, il conduttore isolano è stato “rallentato” da qualche problema di “gioventù” accusato dalla berlina tedesca, nell’arco dell’intensa tre giorni della kermesse brianzola. «Perlopiù, si è trattato di noie agli ammortizzatori» – ha spiegato Di Benedetto – «Trattandosi della prima uscita, ci poteva anche stare. Eppure, il bilancio è più che positivo. Visto che, quando tutto è filato liscio, siamo risultati estremamente competitivi spuntando riscontri cronometrici di tutto rispetto. Cosa che mi fa molto ben sperare in vista della prossima stagione».

Maxi Car Racing

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

CONTINUANO AD ARRIVARE “NOMI” ALL’ADRIA RALLY SHOW

Nel pieno del periodo delle iscrizioni, che chiuderanno il 7 febbraio, la gara in programma ...