Cronoscalate

RENATO GEREMIA CONQUISTA LA TERZA POSIZIONE DI CLASSE IN UN PODIO TUTTO LUCANO ALLA 54ESIMA EDIZIONE DELLA CRONOSCALATA SVOLTE DI POPOLI

POTENZA (PZ): Il potentino e presidente della scuderia Lupi di Lucania Renato Geremia conclude con una terzo posto di classe, in un podio tutto lucano , la 54esima edizione della cronoscalata “ Svolte di Popoli”, valida per il Campionato Italiano Velocità Montagna (CIVM) che si è disputata a Popoli in provincia di Pescara dal 22 al 24 luglio.


Renato, al via nel gruppo N classe 1600 a bordo della sua Peugeot 106, ha visto iniziare il suo weekend in salita: durante una sessione sulla pista di Ortona (Ch) che si è svolta venerdi 22 luglio, ha accusato un problema al cambio, che inizialmente lo ha preoccupato , ma che poi è stato prontamente risolto permettendogli di prendere il via alla gara abruzzese. Nella giornata di sabato 23 luglio si sono svolte le due sessioni di prove libere di ricognizione: nella prima sessione Renato ha stampato un 4’31’77 , turno che è servito soprattutto a capire se sulla vettura fosse tutto apposto, specialmente per quanto riguardava il cambio.

Una volta appurato che la macchina era apposto, il pilota potentino ha potuto spingere maggiormente nel secondo turno di prove, facendo fermare il cronometro sul tempo di 4’27’77 , migliorando cosi di ben 4 secondi netti rispetto alla prima uscita. La gara , invece, che si è svolta domenica 24 luglio, è stata complicata dalla pioggia che ha fatto capolino sul tracciato di gara , già pericoloso e insidioso di sua natura, rendendolo scivolosissimo. Scelta obbligata quella delle gomme rain quindi per gara 1, dove il driver lucano ha fatto fermare il cronometro sul tempo di 4’47’06 classificandosi terzo di classe, mentre nella seconda gara disputata sull’asciutto Renato ha segnato un 4’22’93, miglior tempo personale del weekend , classificandosi settimo di classe. Nella classifica finale di gara si è classificato terzo di classe con il tempo aggregato di 9’09’99 , preceduto da altri due piloti lucani: Rocco Errichetti e Eugenio Marino. Con questi punti conquistati a Popoli Renato consolida la terza posizione in classifica di classe di campionato.

Renato Geremia: “Il weekend qui a Popoli è iniziato in salita, venerdì in un test a Ortona abbiamo avuto un problema al cambio e credevo di non poter prendere il via, fortunatamente abbiamo risolto il problema e sono riuscito a prendere il via. Il tracciato è veramente pericoloso a mio avviso e una nota di demerito va anche all’organizzazione , all’arrivo non abbiamo ricevuto i tempi e inoltre la comunicazione è stata pessima, non si riusciva a sapere nemmeno chi avesse avuto un incidente. Per non parlare poi della posizione del paddock lontana dalla partenza e del parco chiuso dove neanche un riparo o una bottiglia di acqua era a noi concessa Per quanto riguarda la gara , il podio è sempre positivo, ma non sono pienamente soddisfatto speravo sinceramente andasse meglio. Ora guardiamo avanti e speriamo di non avere altri problemi da qui in avanti.”

Articoli correlati

6 Comments

  1. Scusi sig. Geremia mi sembra che lei abbia scritto numerose cose ingiustificate in merito alla gara di Popoli, una delle gare meglio organizzate del CIVM 2016 nonostante il tempo avverso.
    All’arrivo non ha ricevuto i tempi ? Non li avrà ricevuti con tempestività, ma non credo che ciò abbia condizionato i suoi risultati ! Comunicazione pessima e notizie sugli incidente: premesso che lei fa il pilota e non il giornalista, se lei vuole avere tutto sotto controllo in tempo reale vada a correre in pista che la comunicazione è migliore ! Posizione del paddock: per il prossimo anno vediamo di spostare la montagna per crearle uno spazio paddock adeguato ! Non aveva riparo ? Guardi che in estate, se c’è il sole, è normale che sia caldo …… ! Possiamo pensare di piantare alberi così il prossimo anno potrà trovare un po’ d’ ombra. Oppure il prossimo anno ingaggi una “umbrella girl”. Altra soluzione potrebbe essere lasciare l’automobilismo e dedicarsi agli scacchi, sport che si può tranquillamente praticare all’ ombra ! Le mancava l’ acqua: in gara 1 non ne ha avuta abbastanza ? Lei era a Popoli in veste di pilota e non per fare il turista: che voleva, essere dissetato dagli organizzatori ?
    “Apposto” ? ma signor Geremia, lo conosce l’ italiano ?

    1. Cerchi di fare ironia? Non credo sia il tuo forte ……
      La consegna dei tempi è basilare per un pilota, qualunque sia il suo livello. Il pilota non può farsi 1 chilometro a piedi per reperirli: vanno messi a disposizione!
      La gestione del paddock è strategica e, sono d’accordo, va fatta in base alla disponibilità di logistica. Spesso la logistica di gara è più importante della valenza tecnica del percorso …… fatti 2 domande sul perché dei 10 anni di assenza dal CIVM ……
      Se non c’è riparo all’arrivo non occorre piantare alberi: esistono le tensostrutture per dare riparo ai piloti, se poi ci metti un piccolo posto di ristoro con dell’acqua fresca tanto meglio.
      Imparare non è difficile, basta farsi un giretto nelle altre gare ……….
      PS: il mio italiano va bene??

  2. Come si permette, Signor Geremia, di infangare una gara come la Svolte di Popoli ? Quale titolo ha per farlo ? Non ho visto alcuna esternazione di nessuno degli altri 180 piloti che hanno partecipato alla gara. Perché ? Avete fatto la stessa gara ? Ho ricercato in rete il suo curriculum sportivo per comprendere quale e quante esperienza lei avesse nelle salite. Ho scoperto che lei è un neofita, che è ancora bel lontano dall’ aver maturato quell’ esperienza che le potrà consentire in futuro di esprimere valutazioni oggettive e (le auguro) risultati agonistici decenti. Al momento, le consiglio di parlare meno, in modo più costruttivo e soprattutto di concentrarsi su se setesso e sulle sue performances che al momento (visti i distacchi che colleziona (attuale suo distacco medio dai primi: 2 secondi /km) lasciano alquanto a desiderare anche quando (a Fasano 2016) ha misteriosamente avuto l’ opportunità di correre su fondo asciutto un’ora dopo i suoi avversari di classe che avevano corso sul bagnato.

  3. Cosa avrebbe detto di sbagliato il sig. Geremia? E’ tutto vero.
    Siate obiettivi, accettate le critiche e fatene tesoro.
    La Svolte avrà pure il suo fascino ma per essere al livello CIVM deve fare ancora tanta strada sotto tutti i punti di vista SOPRATTUTTO nei confronti dei piloti che rappresentano la maggiore fonte di entrata.

  4. Carissimo Ettore l’ ironia non sarà il mio forte, ma le gare automobilistiche non sono sicuramente il tuo ! E’ chiaro che i tempi sono basilari per un pilota (e anche per produrre le classifiche) ma non credo che un ritardo nella loro consegna possa avere effetti negativi sulla prestazione di un pilota. E’ altrettanto chiaro che in una gara di 8 km è piu’ difficile gestire le informazioni che non in una gara di 4 km. Ovvio che se ci fosse stato un riparo e un po’ d’acqua fresca sarebbe stato meglio. Però non condivido che un pilota della domenica (unico tra 180 iscritti alla Svolte di Popoli a criticare pesantemente tale gara) utilizzi un comunicato stampa personale per fare critiche con un atteggiamento così fortemente distruttivo. Ha addirittura parlato di pericolosità del percorso: forse associa la pericolosità alla sua difficolta’ di interpretazione, come dimostra il pesante distacco che accusato dal pilota vincitore nella sua classe …
    Le critiche, se costruttive (e magari con qualche proposta) sono sempre bene accette. Ma l’ atteggiamento del sig. Geremia è tutto fuorchè costruttivo. Mi sembra strano che di questa gara il sig. Geremia non abbia trovato nulla di positivo.
    Ah, dimenticavo. Tranquillo Ettore, il tuo italiano è “apposto” eh eh eh !

  5. Mi dispiace, ma leggo i commenti solo ora!!! Nella mia intervista ho rilasciato semplicemente dichiarazioni veritiere. ho detto e confermo che il parco chiuso non era sorvegliato dal personale addetto, che i piloti non hanno ricevuto come nelle altre gare il classico fogliettino con i tempi ed intermedi, ma solo a tratti funzionava un monitor collegato al gestore dei tempi stessi. Questa postazione era situata in prossimità dell incrocio, dove vi era anche un venditore ambulante, unico punto di ristoro. La mia presenza a Popoli è solo ed esclusivamente avvenuta per l’annullamento della gara di Rieti, quale prova valevole per il CIVM è non potendo fare più scarti, sono stato costretto a parteciparvi. Sinceramente, non mi manca l’euro per comperarmi una bottiglietta d’acqua, visto che di soldi per fare questo sport se ne spendono con la pala, questo lo sapete benissimo perché anche voi avete percezione di quanto sia costoso. A tal proposito, in tutte le gare del civm che ho fatto, dal 2012 ad oggi, gareggiando sempre con l’N 1600 e pagando 330€ di iscrizione ho sempre ricevuto all’arrivo, sia nelle prove che in gara una bottiglietta d’acqua, a volte anche accompagnata con della frutta fresca esempio ad Ascoli, e ho avuto sempre riparo sotto un gazebo , sia se ci stava bel tempo sia se diluviava, cosa che non è avvenuta da voi, in quando la distanza tra il mio fermo auto e il punto di ritrovo era molto, ma molto distante, tant’è vero che nella giornata delle prove avevate disposto l’utilizzo della navetta.il mio palmares sportivo presenta due facce, una come dirigente fik/CSAI fino al 2012, e come commissario sportivo, delegato csai nelle gare internazionali e mondiali di karting è una come pilota, sicuramente scarso come lei dice. In merito alla sicurezza, posso dirle che ho contribuito all’omologa di circuiti come referente CSAi, quindi qualcosa penso di conoscerla e come pilota non penso di essere un neofita, altrimenti non prendevo parte al CIVM.
    Per noi piloti è importante avere i tempi, non solo per visionare dove perdiamo e dove guadagnamo, ma per avere la tempistica necessaria per un eventuale reclamo, cosa che voi non capite, perché questo piccolo dettaglio che tutti ignorano, io no. A conclusione di tutto ciò, le dico, che non rinnego le mie dichiarazioni perché veritiere, fatte da un neofita che ha portato alla vostra comunità e alla vostra organizzazione soldini, perché dietro ad una partecipazione ci sono accompagnatori, meccanci, mezzi, alberghi, ristoranti ecc ecc che beneficiano della nostra presenza.
    Certo di aver spiegato al meglio il mio pensiero le auguro un futuro roseo, per la vostra manifestazione.
    N.B. Per ciò che concerne la partenza in gara uno a Fasano, non devo a Lei spiegazioni se non alla direzione gara di cui non mi sembra che Lei ne facesse parte. Si preoccupi al meglio di fare il suo lavoro che ampio ci penso io!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker