Home » Rally » WRC » Sardegna amara per “Pedro” ed Emanuele Baldaccini

Sardegna amara per “Pedro” ed Emanuele Baldaccini

Termina anzitempo la sesta prova del Campionato del Mondo Rally 2020, per i portacolori italiani di M-Sport al Rally Italia Sardegna

Purtroppo la prima volta nella gara di casa per “Pedro” ed Emanuele Baldaccini non ha portato bene all’equipaggio italiano di M-Sport.

All’esordio sugli sterrati sardi, il pilota bresciano era entusiasta di correre finalmente in una delle gare iconiche del Campionato del Mondo Rally.

L’avvio della corsa è stato abbastanza prudente, mirato soprattutto a prendere sempre più confidenza con un percorso che fin da subito si è rivelato insidioso per molti equipaggi anche di notevole esperienza: “Purtroppo non avendo potuto fare dei test prima della gara a causa della vicinanza con il Turkey Rally – inizia subito a spiegare “Pedro” – abbiamo praticamente fatto il set-up della vettura durante la prima tappa, in quanto quello provato durante lo shakedown ci siamo subito accorti che non andava bene.”

Nonostante questo inconveniente, l’affiatamento con la Ford Fiesta MKII di M-Sport era in continua ascesa, nemmeno una foratura sulla seconda speciale in programma nella giornata di venerdì aveva frenato l’entusiasmo per l’essere al via di una gara in grado di regalare in egual misura scorci di un territorio affascinante ed emozioni di guida difficilmente riscontrabili in altri tracciati iridati.

“La nostra corsa si stava svolgendo in modo regolare – spiega il pilota bresciano – ci siamo subito resi conto che la fama di questa gara era più che meritata: prove bellissime ma altrettanto difficili, era veramente un attimo finire fuori strada. Nella giornata di sabato sul primo passaggio della “Monte Lerno” abbiamo fatto qualche errore, ed suo il famoso salto non l’avevo preso bene. Nel secondo passaggio, con l’intento di migliorare quanto fatto il giro precedente un banale errore ci ha fatto capottare mettendo fine alla nostra gara.”

Fortunatamente l’equipaggio ne è uscito praticamente incolume ma la vettura non era recuperabile in previsione di un eventuale rientro.

“Siamo molto rammaricati di come sia finita la nostra gara – conclude “Pedro” – ci tenevamo molto a portare a termine il rally di casa, anche perchè il percorso è davvero bello, con passaggi difficili ambientati in un contesto paesaggistico splendido. Un vero piacere correrci. Eravamo soddisfatti di come si stavano mettendo le cose: gli uomini di

M-Sport come sempre avevano lavorato benissimo per far si che la Fiesta si adattasse alle nostre esigenze e la confidenza con la vettura ed il tracciato era in continua crescita. E’ stato un vero peccato esserci ritirati in un frangente come questo.”

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

LE SODDISFAZIONI MONDIALI DI MOVISPORT: SCANDOLA E GILARDONI SUGLI SCUDI

Scandola-D’Amore sotto i riflettori al Rally d’Italia-Sardegna e il driver svizzero al successo nella Gara-1 ...