Home » Salita » Scappa, Savoia e Errichetti: il trio delle meraviglie della Scuderia Gretaracing Motorsport conquistano il Reventino

Scappa, Savoia e Errichetti: il trio delle meraviglie della Scuderia Gretaracing Motorsport conquistano il Reventino

Si è disputata lo scorso fine settimana la 19° Cronoscalata del Reventino, tappa inaugurale del Campionato Italiano Velocità Montagna e la Scuderia Gretaracing Motorsport, con uno schieramento a sei punte, ha conquistato ben tre vittorie di gruppo.

In Racing Start Turbo, il plurititolato Antonio Scappa, al debutto sul difficile tracciato che da Magolà porta a Platania, ha conquistato al volante della sua Mini Cooper JCW la vittoria assoluta di gruppo, grazie ad un secondo posto in Gara 1 sull’asciutto a soli 56 centesimi dal campione in carica Giacomo Liuzzi, e ad una spettacolare vittoria in Gara 2 sul bagnato, con un divario dai diretti inseguitori di oltre 20 secondi.

Sono contentissimo del risultato odierno – ha commentato il reatino – fare sull’asciutto praticamente lo stesso tempo di Liuzzi e stargli d’avanti sul bagnato, non dimentichiamo che lo scorso anno Giacomo ha dimostrato di essere estremamente veloce con la Mini, è stata una bella soddisfazione. Tenuto conto che questa vettura e questo tracciato per me sono nuovi, credo sinceramente di aver fatto una buona prova. Ora aspetto con più tranquillità Sarnano, tracciato che conosco e che mi permetterà, avendo già i giusti riferimenti, di concentrarmi sulla vettura, non come questo week end dove mi sono diviso tra la vettura e lo studio del tracciato, davvero bello e divertente da guidare, ma con mille insidie.”

In Racing Start Plus, è stato un dominio netto e imperativo quello dell’alfiere Gretaracing Motorsport Francesco “Ciccio” Savoia, primo di classe RSTB 1.6 Plus e di Gruppo RS Plus.

Il pilota fasanese ha imposto da subito il suo ritmo, con una prestazione monstre nella prima salita di gara, facendo registrare il nuovo record del tracciato con il crono di 3’23”63, gestendo il vantaggio nella seconda salita, effettuata sotto una fitta pioggia e con scarsa visibilità dovuta alla nebbia.

E’ stato un week end positivo – ha esclamato in parco chiuso Savoia – in quanto la vettura è completamente nuova e abbiamo lavorato per trovare il giusto set up. In Gara uno ho commesso alcuni piccoli errori, in oltre ho dovuto lasciare qualche secondo per strada in quanto ho trovato le bandiere gialle per l’incidente della vettura che mi precedeva, ma visto il vantaggio sugli avversari, in Gara 2, con condizioni meteo pessime e l’asfalto molto scivoloso, ho preferito gestire senza In prendere eccessivi rischi.”

 In Gruppo N il potentino Rocco Errichetti, al volante della sua fida Peugeot 106 ha conquistato, con due salite estremamente aggressive, sia la vittoria di classe N-1600 che la vittoria di Gruppo.

In Gara 1 ho guidato molto bene – ha esordito appena uscito dalla vettura – ottenendo, nonostante un piccolo “lungo” nell’ultimo tratto, il miglior crono di gruppo, a pochissimo dal record, mentre in gara 2, con la pioggia e l’asfalto in alcuni tratti davvero molto bagnato, ho perso la vettura nella Foresta, allo stesso punto in cui lo scorso anno andai in testacoda. Solo che oggi ho preso il rail sia a destra che a sinistra, ed ho perso almeno una decina di secondi nel fare manovra e ripartire, ma comunque ho ottenuto il terzo tempo di gruppo, mantenendo la testa della classifica aggregata.

In Racing Start 1.6, buona la prestazione di Teo Furleo, anche lui al debutto sulla nuova vettura, una Peugeot 106 1.6. L’istrionico driver pugliese, ha ottenuto un incoraggiante quarto posto di classe nella classifica aggregata, con l’ottimo terzo posto in Gara 2 nonostante una toccata causata dall’asfalto bagnato. Week end di studio per il calabrese Mario Osvaldo Iantorno, sempre in RS1.6, che al volante della sua Saxò Vts si è piazzato al 9° posto di classe, su di un tracciato che non aveva mai affrontato.

Ha preferito non prendere parte alla seconda salita di gara, come molti altri concorrenti, la figlia d’arte Giulia De Ciantis, viste le condizioni meteo proibitive. 

Euforico il patron della Gretaracing Motorsport Vito Guarini, ha commentato così i successi dei suoi portacolori nella prima tappa del CIVM: “Non potevamo iniziare meglio, tre vittorie di gruppo su di uno dei percorsi più tecnico e impegnativi del CIVM, danno il senso del grande lavoro svolto in inverno con la DP Racing. Un grande ringraziamento va fatto alle gomme Yokohama che sono state parte importante di questo successo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

PEZZOLLA: MERLI E FAGGIOLI COME IRLANDO E DANTI

Molto preoccupato: questa figura carismatica delle corse in salita, ci ha rappresentato la sua estrema ...