Home » Salita » Salita Autostoriche » Scarperia – Giogo: Ecco cosa hanno detto alcuni protagonisti del tricolore dopo le prove

Scarperia – Giogo: Ecco cosa hanno detto alcuni protagonisti del tricolore dopo le prove

Le impressioni di alcuni piloti dopo le difficili prove della Scarperia Giogo che scatterà alle 10 di domani domenica 7 maggio in salita unica

Idelbrando Motti (Porsche Carrera RS): Sono salito con pneumatici da bagnato. é molto difficile questa condizione e la strada è imprevedibile.

Giuliano Palmimeri: Ho scelto la Porsche Carrera RS per questa gara. Sono soddisfatto di come è andata. Molto bene. Ho scelto gomme da bagnato su questo fondo.

Fosco Zambelli (AlfaRomeo GTAM): La strada è molto insidiosa in queste condizioni. Purtroppo si è accesa la spia dell’olio adesso controlleremo, speriamo che on sia nulla di serio che possa compromettere la partecipazione alla gara.

Matteo Adragna (Porsche CarreraRS): Sono salito con gomme da asciutto. Questo meteo rende tutto incerto.

“Cicciopasticcio” (Porsche 911 SC): E’ andata bene, anche se la strada è molto scivolosa e bisogna stare molto attenti, ma sono fiducioso.

Stefano Peroni (Osella PA 8): Calmi, molto calmi, su questo fondo commettere errori è semplice.

Tiberio Nocentini (Chevron B19): Sono arrivato lungo su diversi tratti, l’umido rende la strada molto insidiosa e quasi proibitiva per un’auto come la mia. Ero indeciso se partire o meno. 

Giorgio Taglietti (Lancia F&M Barchetta): Tutto osmmato meglio di come immaginavo. E’ la prima vera gara con questa macchina e sono contento delle risposte ed anche del lavoro delle gomme. Non posso nascondere una certa emozione.

Gina Colotto (F Abarth SE033): Sono andata molto piano in queste condizioni non era il caso di rischiare. Molto umido soprattutto nei tratti di sotto bosco all’ombra.

Giuiano Peroni (MK 32): Abbiamo modificato la macchina dopo Cortona, ma il test non è andato a buon fine, ho potuto provare poco in queste condizioni. In gara vedremo.

Alessandro Rinolfi (Mini Cooper): Condiioni rischiose se non si sta attenti. Ho preso diversi rischi e per tre volte ho ripreso l’auto. Dove ho trovato asciutto ok, ma nei tratti di umido davvero rischioso. Personalmente sono a mio agio sul bagnato.

Francesco Amante (Jagar Type-E): Prove acute e no si poteva fare altrimenti. La macchina va bene, ma sarebbe stato più utile poter svolgere due manche di prove.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Manlio Munafo (Aspas Lucchini SN89 - 4)

RINNOVATO IL CONSIGLIO DIRETTIVO ASPAS

Con una votazione che ha registrato la partecipazione di tutti i Soci, sono state rinnovate ...