CIVM

SCOLA D’ALTA SCUOLA

Ritorno al volante vincente per l’ex campione italiano, che a Morano si costruisce la quinta posizione assoluta e la vittoria di classe E2SC-2000 con una doppia manche dirompente sull’Osella della Samo Competition, gommata Avon. 


C’è un tempo che vale ai fini della classifica ed un altro che rassicura rispetto alla quota prestazione disponibile. 

Entrambi questi riscontri, hanno premiato Domenico Scola e la Samo Competition, ancora insieme nel Civm dopo l’isolata gara di Ascoli. 

Se c’è una divisione del 2021 in salita in cui più acerrima e difficile è la tenzone fra i piloti, questa è proprio l’E2 Sport Car 2000.

SCOLA D’ALTA SCUOLA

Anche e soprattutto a Morano, i motivi agonistici di giornata restituivano l’apicale livello della sfida all’interno di questa classe, con una gamma di grandissimi nomi in quota alla varie Osella PA2000 presenti. 


In gara-1 Domenico Scola costruiva subito un ottimo crono di 2.50.90, posizionandosi alle spalle del solo Luigi Fazzino, protagonista del primo round con la propria PA sovralimentata e circa otto decimi più rapido del resto della compagnia di classe. 

Un risultato che diceva decisamente bene al talento cosentino, già capace di coabitare con i più assidui e veloci interpreti delle barchette duemila, malgrado il lungo stop dopo la trasferta estemporanea di Ascoli. 

In gara-2 sarebbe stato derubricato come grande risultato già solo il ripetere la performance del primo stint, stante le torride temperature in essere, ma l’esplorazione del potenziale di giornata si traduceva invece per il pilota calabrese in un abbassamento del crono personale di altri sei decimi, sino alla quota di 2.50.29.

SCOLA D’ALTA SCUOLA

Agli scacchi finali Scola capitalizzava al massimo questo suo acuto, riuscendo a tenere alle spalle il leader in classifica Achille Lombardi e centrando così, complice anche il contestuale ritiro per cause tecniche di Fazzino, la vittoria di classe E2SC2000 e la quinta posizione assoluta, che rappresenta la miglior refurtiva possibile per un pilota impegnato tanto sporadicamente. 

Il commento di Domenico Scola: “Contento del risultato finale, il massimo ottenibile oggi, nonché della prestazione pura, che unendo i migliori intermedi avrebbe restituito un tempo di 2.48.9, certamente di livello rispetto al caldo torrido che ha attanagliato la giornata di gara.


Cucire i vari settori alla perfezione non è stato facile, perché io stesso ho qualche automatismo di guida ancora non perfettamente a punto e sento di rendere qualche decimo sparso qua e là come ritmo, sebbene il feeling di base con la macchina che guido sia già più che buono. La PA2000 di casa Samo Competition risponde bene, l’assetto è ben piantato ed il motore fa pienamente il suo, pertanto ci sono le condizioni tecniche per ben figurare pure nelle prossime uscite di Luzzi ed Erice. Mi preme sottolineare il valore assoluto dei miei avversari di classe 2000, che stanno portando avanti una stagione veramente eccezionale. Achille si è espresso costantemente su altissimi livelli in ogni gara, così come Luigi non ha avuto la possibilità di difendersi in gara 2 a Morano per un problema tecnico, senza il quale avrebbe certamente rivendicato il suo status di protagonista anche nella seconda e decisiva salita. Siamo già protesi alla prossima trasferta di Luzzi, strada che io amo e su cui mi sono espresso sempre bene. Cercheremo di capitalizzare un buon risultato anche nella seconda tappa calabrese prima di pensare ad Erice, altra gara che occupa un posto speciale per me in considerazione dei miei risultati passati su questa strada”.

Gli fa eco nelle sue dichiarazioni Luigi Sambuco, patron della Samo Competition: 

“Siamo contenti di avere Domenico sulla nostra Osella, che anche in questa occasione ha dimostrato di essere una macchina molto valida da ogni punto di vista. Siamo fiduciosi per i prossimi impegni, lavoriamo bene insieme e ci sono i presupposti per fare bene, come oggi a Morano. Ringrazio Gas39, RgCar Tronik, PowerShift ed i miei ragazzi della Samo Competition per quello che hanno fatto in termini tecnici. Siamo una bella squadra, in cui ognuno fa il suo al massimo livello per mettere in condizioni un grande talento come Domenico Scola, di esprimersi come lui sa fare. Ora, sotto con Luzzi”. 

Francesco Romeo

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker