Home » Salita » SCOLA: “LE SALITE MI MANCANO”
DOMENICO SCOLA

SCOLA: “LE SALITE MI MANCANO”

Il campione italiano, a cuore aperto: strizza l’occhio alla Santo Stefano-Gambarie, aspetta con ansia la Sila, parla dei due big Faggioli e Merli e non esclude un futuro ritorno.

Dopo sette anni Francè, io mi sento come un leone in gabbia! Anzi, come due!!…ho una voglia di tornare in macchina esagerata, non sto manco andando in kart, pensa tu…ormai sono grandicello, ho 27 anni, in pista servono almeno 130-150 mila euro per correre una buona stagione e due-tre anni per essere al top, ripercorrendo quel percorso che ho fatto in salita. Tutto pare riportarmi alle cronoscalate….

Parte piano Domenico Scola, ma poi a parole accelera come i V Tec d’antan, quelli che quando entravano in coppia sembravano dei turbo, ma senza il turbo…la sua voce al telefono mostra la sovralimentazione interiore di chi muore dalla voglia di tornare al cockpit ma ha la flangia strozzata, alias non ha il mezzo per farlo: sta soffrendo, come solo un pilota nato tale dal ventre materno, sa. Vira subito, verso la prossima tappa di Verzegnis: Sono  curioso di vedere la mia ex macchina aggiornata cosa farà, l’anno scorso ho fatto 2.30 col motore stanco a cui poi si sono rotte le fasce e avevo le sospensioni del tipo precedente. So che adesso quella 30 abbia l’altro assetto più evoluto e il motore fresco di LRM che ho poi montato e ha sicuramente un potenziale ancora più alto.

CEM 2018. Ancora Merli vs Faggioli. La sua opinione in materia è nitida: Merli quest’anno ne ha di più. Lo vedo più veloce, più cattivo, più determinato. Lui e la macchina sono ancora migliorati, per me sono avvantaggiati. Poi è chiaro che Simone resti un mostro di esperienza e velocità, ma lo vedo un pò meno sul pezzo, non con la stessa aggressività propria e di squadra degli scorsi anni e credo dipenda anche dalla gara che lo aspetta in Colorado, che inevitabilmente assorbe tante energie. Sono due grandissimi campioni e fino alla fine tutto può succedere, ma Merli è un passo avanti. Vedremo, è una super sfida comunque, come sempre.

A casa tua tutti hanno corso a Gambarie, solo tu manchi all’appello…se ti trovo una macchina, vieni?

Magari! Mio nonno era innamorato della Gambarie! Sto seguendo le vicende dell’asfalto e dei rail…l’anno scorso non si è fatta, nel 2016 avevo appena investito a Fasano e così questa gara non l’ho mai corsa.. E’ un mio grande cruccio!..Insieme a Tiriolo è una delle classiche che mi mancano..

Nonno faceva spesso la classifica delle sue preferite: Sila grande, Gambarie e Tiriolo…

Lo vedi? Un motivo in più per farmele… Comunque la Coppa della Sila, se la organizzeranno come sembra proprio che sia, la farò pure con una 500 !!

Facciamo un passo indietro. Sei stato ad un passo dall’Ital Prototipi con la Wolf. Sfumata del tutto quella possibilità?

Si e non per colpa mia o dei promoter-costruttori della nuova formula del tricolore. Con loro c’è un rapporto ottimo e la volontà di correre in quella serie c’era, ma degli sponsor che avrebbero dovuto garantire la copertura sono mancati nelle fasi finali e tutto è saltato. Doveva andare così.

Proposte per tornare?

Varie e per varie gare, ma finora nulla di concreto. Me ne prospettano tante, ma nessuna che faccia la differenza.

Hai vinto con la Pa2000, hai vinto con la FA30, ti tocca un’ esperienza con la millina…

Io considererei solo un progetto per puntare all’assoluta di campionato. La Junior va fortissimo ed è stata guidata da ragazzi velocissimi, sia chiaro, ma il mio obiettivo non potrebbe che essere puntare ancora al Civm.

Con un’altra 30 quindi…

Chi ce l’ha non la vende e non ne fanno più. Difficile. Molto.

Si vocifera che potrebbero essere soppresse fra qualche anno, le sport tremila, anche se queste voci periodicamente escono sempre..

Ho parlato in Aci e mi hanno detto che se strozzeranno la tremila lo faranno anche con la duemila, visti i tempi molto vicini che fa. Non si è mai risolto un granchè con questi provvedimenti, secondo me..

Come passi le tue giornate?

Stiamo pianificando più intensamente l’apertura dell’autosalone e mi godo la bimba che cresce a vista d’occhio. Con quella voglia dentro di correre che non si spegne, ma cresce…se ti capita una macchina per la Gambarie, mezza parola Francè! Ahahahah….

Francesco Romeo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

ANDREA CELLI VERSO IL RITORNO

Una stagione di stop per i postumi di un incidente sullo snow board, lo ricarica ...