Home » Slalom » Sfida all’ultimo birillo sul Monte Condrò: Venanzio, Emanuele e Miglionico si giocano il tricolore assoluto slalom

Sfida all’ultimo birillo sul Monte Condrò: Venanzio, Emanuele e Miglionico si giocano il tricolore assoluto slalom

Organizzato dall’Associazione Culturale Dalidà di Serrastretta, in collaborazione con l’Automobile Club di Catanzaro, sabato 8 e domenica 9 ottobre si svolgerà la 15^ edizione dello slalom automobilistico Monte Condrò, appuntamento valido quale ottava ed ultima prova del campionato italiano Aci-Sport slalom 2016 e per il Trofeo Dalidà promosso dagli stessi organizzatori.

Tra i 114 concorrenti che hanno confermato le loro adesioni, allo start si presenteranno anche tre ragazze. Ad aprire le partenze rosa sul tratto di strada Provinciale 77 di Km 2,520 (rallentati da undici postazioni) immersi nella faggeta catanzarese, che dal ponte Fiume Amato sale fino a Serrastretta, sarà la volta della pilota cosentina di Piano Lago Emilia Covello, con la sua Fiat Seicento SP con le tinte della scuderia “Cosenza Motorsport”. A seguire la molisana Martina Iacampo, portacolori del sodalizio “Molise Racing” su Peugeot 106 S16. Chiuderà la schiera delle partenze rosa la catanzarese Jessika Tomaselli, al volante della Fiat Seicento Kawasaki targata “Tecno Racing”.

Si preannunciano tre manches al cardiopalmo in tutte le divisioni che vedono schierati i migliori interpreti della specialità, che fin dalla prova d’apertura svoltasi lo scorso 10 Aprile nell’alta Langa delle Valli Bormida nella cittadina cuneese di Somano, hanno degnamente onorato la prestigiosa serie nazionale tra le postazioni sotto l’egida di Aci-Sport. Dopo il primo acuto primaverile messo a segno nella gara piemontese dal miglionico2pilota molisano Fabio Emanuele, portacolori della scuderia “Campobasso Corse” al volante della fida Osalla PA 9/90 motorizzata Alfa Romeo, maturato al termine di una gara ricca di colpi di scena che vedeva concludere al secondo posto il compagno di scuderia su vettura gemella Luigi Vinaccia, seguito da uno sfortunato Salvatore Venanzio dell’Autosport Sorrento, sulla barchetta Inglese Radical SR4, penalizzato da una lunga scia di olio lasciata sul percorso da una vettura che lo precedeva sullo start. La carovana delle abilità alla guida con le polemiche che aleggiavano nell’aria riguardo la gestione (travagliata) della prima tornata, due settimane dopo faceva tappa in Sicilia, dove nel messinese si accendeva il semaforo dalla kermesse torrese, che dopo la prima manche vedeva un ottimo Giuseppe Gulotta, quarto alla fine, al volante della Radical SR4 “Jonia Corse Giarre”, imporsi nella prima manche e pagare con l’abbattimento di un birillo la seconda, dove per altro aveva fatto segnare il miglior punteggio. Decisiva la terza ed ultima manche siciliana davanti ad un pubblico delle grandi occasioni sempre numeroso, dove realizzava miglior punteggio e vittoria il pilota campano Venanzio Radical SR4, davanti ad Emanuele Osella PA9/90 e Giuseppe Castiglione, Radical Pro Sport Armanno Corse, bravo a tenere un ritmo alto e costante nelle tornate disputate. Archiviata la competizione la con vista sul golfo di Milazzo, si accendevano i riflettori in quel di Campobasso il 22 Maggio, dove a vincere la competizione molisana che onora la memoria di Gianluca Battistini, (giovane scomparso prematuramente) ci pensava il pilota lucano Saverio Miglionico, su Radical SR4 iscritta tra le fila della “Campobasso Corse”, che inaugurava anche la sua prima vittoria nel campionato Italiano, con Venanzio che concludeva secondo ed Emanuele terzo. Il quarto round tornava nuovamente in Sicilia sul versante trapanese, laddove, quel meraviglioso tratto di strada che da Valderice si inerpica verso Erice vetta, accoglieva la carovana del circus tricolore nella giornata di domenica 5 Giugno. Al termine di una bella e serrata lotta tra i giovani piloti trapanesi, ad avere la meglio su Giuseppe Gulotta, Radical SR4 è stato Giuseppe Castiglione, Radica Pro Sport, ma in seguito ad un reclamo sporto da Gulotta, nei confronti di Castiglione, la vittoria tutt’oggi risulta essere (sub judice). Terzo assoluto si classificava Salvatore Venanzio, Radical SR4. Con la calura estiva che incombeva era il tempo della quinta prova tricolore che nel giorno di domenica 19 Giugno, vedeva accendersi la luce verde della 2016%2Fimg%2FSLALOM%2FSlalom_dei_Colli_Euganei_Città_di_Este%2Femanuele_este_m2Salerno-Croce di Cava, dove Miglionico, timbrava ancora il suo tesserino e si candidava a pieno diritto alla corsa del titolo. Completavano il podio assoluto Venanzio ed Emanuele, rispettivamente secondo e terzo. Superato il giro di boa la carovana delle postazioni si dirigeva in Veneto, precisamente tra i Colli Euganei, dove il 10 Luglio la Città di Este accendeva i motori della sua gara, che dopo una battaglia a suon di decimi di secondo, vedeva vincere con il miglior punteggio fatto registrare nella seconda manche il campano Venanzio. Secondo Emanuele e terzo Miglionico.

Il penultimo round svoltosi domenica 25 Settembre, ha visto protagonista la Città dei monti Lessini di Bolca in Provincia di Verona, dove sul gradino più alto del podio ha festeggiato ancora Salvatore Venanzio, seguito ad una manciata di centesimi da Fabio Emanuele e Saverio Miglionico, adesso in piena bagarre per il titolo tricolore slalom Aci-Sport che verrà assegnato domenica 9 ottobre, al termine della 15^ edizione dello slalom Monte Condrò.

La classifica conduttori provvisoria vede al comando con punti 180 Salvatore Venanzio, 2° con punti 162,5 Fabio Emanuele, 3° con punti 124,5 Saverio Miglionico. Art 10 Ultimo Comma – Si precisa che, ai fini della classifica finale, i punti conseguiti nell’ultima e penultima gara in calendario sono moltiplicati per coefficiente di valutazione 1,5 –

Nelle foto: Salvatore Venanzio, Fabio Emanuele e Saverio Miglionico

Sebastian Feudale

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

ITAL SLALOM: IN TRE PER UN TRONO

A due gare dall’epilogo thriller, il leader Giuseppe Castiglione punta la gara di Bolca, per ...