Cronoscalate

SIMONE FAGGIOLI E LA SPORT MADE IN ITALY CHIUDONO IN BELLEZZA NEL CIVM

Ennesimo trionfo per il pluricampione toscano nella Pedavena-Corce D’Aune, prova conclusiva del CampionatoItaliano Velocità Montagna.


Ottime prove anche per Andrea Bormolini, Marco Capucci e Stefano CrespiNon poteva sognare una conclusione migliore di stagione la Sport Made in Italy, grande protagonista nel CampionatoItaliano Velocità Montagna. Simone Faggioli ha infatti conquistato anche la Pedavena-Croce d’Aune, cronoscalataveneta che ha visto il pluricampione toscano imporsi con il tempo complessivo di 6’45”87, dopo aver realizzato nellaprima manche il nuovo record assoluto del tracciato in 3’22”92. Al volante della sua competitiva Norma M20 FCZytek e gommata Pirelli, Faggioli ha incoronato nel migliore dei modi l’ennesima annata da incorniciare,caratterizzata dalla conquista dell’undicesimo titolo tricolore e dell’ottavo europeo: “E’ stata una stagione magica,concludere con questo successo rappresenta la ciliegina sulla torta dopo tutti gli sforzi portati avanti insieme alteam. Non è stato facile abbassare il record del tracciato per via dell’asfalto più insidioso rispetto alle prove, ma allafine grazie ai continui progressi della vettura siamo riusciti a toglierci anche questa soddisfazione”.

Oltre al trionfo di Simone Faggioli, la Sport Made in Italy celebra anche l’ottimo finale di stagione da parte degli altripiloti della scuderia, sempre veloci e competitivi durante tutto l’arco del campionato: Andrea Bormolini, al volantedell’Osella PA 21, ha ottenuto infatti uno splendido ottavo posto assoluto, conquistando anche il secondo gradinodel podio nella classe CN-2000: un risultato che conferma ancora una volta la crescita del giovane pilota valtellinese,sempre tra i big anche nel Campionato Europeo Montagna. Pur essendogli sfuggito il podio di categoria, può tornarea casa certamente soddisfatto anche Marco Capucci, classificatosi al 13° posto assoluto (5° in CN-2000) al volantedella sua Osella PA 21/s. Mentre il milanese Stefano Crespi (Osella PA 21 Evo) ha sfiorato la Top 20 nell’assoluta,piazzamento a podio, infine, per Giuliano Pirocco, il quale tra le vetture a motore aspirato della Racing Start Plus èriuscito ad ottenere la piazza d’onore, aggiudicandosi il Trofeo di Gruppo.

Dopo un’annata ricca di successi è già tempo di pensare al futuro per la Sport Made in Italy, nel tentativo diconquistare nuovi traguardi ed impreziosire la propria già ricca bacheca di trofei.


Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker