Home » Salita » SIMONE FAGGIOLI, OSELLA FA 30, VINCE LA 50. COPPA PAOLINO TEODORI

SIMONE FAGGIOLI, OSELLA FA 30, VINCE LA 50. COPPA PAOLINO TEODORI

19/06/2011 – Il toscano portacolori della Best Lap si aggiudica per la settima volta la cronoscalata Colle San Marco – San Giacomo, organizzata da Gruppo Sportivo e Automobile Club Ascoli Piceno e Fermo.
Il pilota dell´Osella, fissa il record di percorrenza del nuovo tracciato di gara, è primo nella quinta tappa della serie CSAI rafforzando la leadership di campionato. Secondo posto del trentino Christian Merli su Picchio P4, primo nella E2B. Terzo posto assoluto per il napoletano Piero Nappi su Osella FA30. rallentato nella seconda salita dio gara, dopo aver fatto segnare il secondo tempo nella prima.
Piena affermazione nella CN del calabrese Rosario Iaquinta, Osella PA 21,
Vittoria di Leo Isolani nella categoria GT con la Ferrari 575. Il fiorentino Fabrizio Pandolfi si aggiudica la E1 Italia con la Alfa Romeo 155 V6 Ti. Quinta affermazione consecutiva in Gruppo A per l´altoatesino Rudi Bicciato, su Mitsubishi Lancer. Lino Vardanega, Mitsubishi Lancer, torna alla vittoria in Gruppo N. Nella Racing Start si impone Paolo Mancini su Renault Clio RS. Deborah Broccolini prima nel femminile con la Citroen C1 Cup.

Per la quarta volta consecutiva Simone Faggioli si impone in una gara del Campionato Italiano Velocità Montagna. Con il tempo totale di 4´23″12, il fiorentino della Best Lap si è aggiudicato per la settima volta la Coppa Paolino Teodori, apponendo la firma sulla quinta gara prova della serie CSAI nella quale rafforza la leadership nella graduatoria assoluta ed in quella del Gruppo E2M. “Ho vinto una gara che mi piace, corta ma che impegna tutto il team a dare il meglio per adattare la vettura ad un fondo stradale con diverse difficoltà e variazioni di grip. Devo proprio ringraziare tutti i ragazzi, dai tecnici meccanici ai gommisti che hanno fatto un grande lavoro. Nappi mi ha nuovamente impressionato ma questa volta è stato sfortunato e rallentato nella seconda salita, spiace per lui”.
Al secondo posto della gara organizzata da Gruppo Sportivo Automobile Club Ascoli Piceno e Fermo si è piazzato il trentino della Vimotorsport Christian Merli. Alla guida una Picchio P4 che ad ogni gara si presenta con profonde modifiche d´assetto e d´aerodinamica, Merli ha realizzato il terzo tempo nella prima salita, con 4″75 di ritardo da Faggioli, e il secondo nella successiva riducendo il distacco a soli 2″4 dal toscano vincitore.
Terzo posto assoluto per il partenopeo Piero Nappi, che con la Osella FA30 ha nuovamente impensierito il fiorentino primatista, perdendo però l´occasione buona di puntare alla vittoria con il rallentamento nella seconda manche. Nappi è veramente riuscito a diminuire il gap da Faggioli ad un solo secondo nel primo intermedio della seconda salita, ma ha rallentato il ritmo proprio nella parte più veloce del tracciato, dove la sua monoposto andava ancor più forte, per superare Andrea Picchi fermo lungo il percorso.
Michele Camarlinghi rientra nelle gare del CIVM conquistando il quarto posto assoluto dovendo “riprendere gli automatismi” al volante della Osella PA 30 Zytek con la quale è secondo nella E2B. A meno di due secondi dal pisano, si piazza al quinto posto e sale sul terzo gradino del podio di categoria il siciliano Vincenzo Conticelli, riuscendo a risolvere con una soluzione di fortuna un problema al leveraggio del cambio elettronico della sua Osella PA 30.
Sesto assoluto si piazza il siciliano Samuele Cassibba, centrando la terza piazza della E2M, aggiudicandosi la gara della classe 2000 a bordo della Tatuus Formula Master. Quarto posto di classe il trentino Franco Bottura, anch´egli su Tatuus Formula Master, ma nei colori della Vimotorsport.
Settimo assoluto, a un secondo e quattro da Cassibba junior, ma primo del combattuto Gruppo CN è il calabrese Rosario Iaquinta che con la Osella PA 21 Honda New Media Eventi regola al traguardo di categoria un velocissimo Francesco Conticelli, il giovane siciliano al volante della Osella PA 21 è secondo per soli 14 centesimi di secondo. Terzo si piazza il sardo Omar Magliona, sempre su di una Sport Osella a 29 centesimi di secondo da Iaquinta. Quarto, ma più staccato nel computo totale delle salite è Angelo Marino su di una Ligier Js 49 che sta progredendo nella trasformazione in configurazione da salita.

Con la Ferrari 575, Leo Isolani vince la gara ascolana della GT e porta il suo vantaggio a cinque lunghezze e mezzo su Roberto Chiavaroli, oggi secondo nella classe GT Cup con la Ferrari 430 Best Lap. Ad acquisire punteggio pieno nella categoria riservate alle vetture trofeo, è il veneto Antonio Forato che con la Ferrari 430 Rubicone Corse, è anche secondo assoluto in gara dietro a Isolani, ma con un distacco totale sui dodici secondi. Quarto di gruppo e terzo di classe si piazza al traguardo di San Giacomo il bresciano Francesco Abate con la Lotus 2 Eleven, regolando “Ragastas” (Ferrari 430) e Santuccione su Porsche 996. Ha visto il traguardo di San Giacomo il giovane siciliano Pierdavide Sofia, nel giorno del debutto assoluto in una gara del CIVM al volante di una Ferrari 360 NGT curata dall´Isolani Racing Team.

Risolti i problemi di freni alla sua Alfa Romeo 155 V6 ti, Fabrizio Pandolfi si aggiudica la gara tra le vetture E1 Italia, portandosi in classifica generale ad un solo punto e mezzo dal leader Fulvio Giuliani. Il bolognese è secondo in gara, a sei secondi dal toscano, lamentando qualche problema di trazione alla Lancia Delta Evo nei colori AB Motorsport. E´ terminato col terzo posto di gruppo il travagliato fine settimana di Roberto di Giuseppe, condizionato dalla rottura del motore nel corso delle prove e poi sostituito nella notte con un propulsore di una Delta Gruppo A. Il quarto posto è appannaggio di Marco Sbrollini, con ancora qualche difficoltà d´assetto alla Lancia Delta della Catria, e quinto per “Kale” che con la Alfa 147 della Cosenza Corse si aggiudica la classifica della Classe 2000. Sesto è Carlo Vellucci, BMW M3 E35, settimo il locale Alessandro Gabrielli con la Lamborghini Gallardo Rubicone corse.

Rudi Bicciato si aggiudica la quinta tappa del Gruppo A della stagione. Il bolzanino della Mitsubishi Lancer della Mendola, regola al traguardo il reatino Claudio Giobbi, che con la Alfa 156 GTA Etruria si aggiudica la classifica della Classe 2000. Terzo è il marchigiano Ferdinando Cimarelli, Alfa Romeo 147 della scuderia Catria, a precedere Rino Tinella, primo della classe 1600 con la Peugeot 106 della Fasano Corse. Protagonista di un fine settimana con problemi tecnici nelle prove e per un testacoda nella prima salita, Sandro Acunzo è sesto assoluto davanti, a Giuseppe d´Angelo secondo di classe 1600 con la Peugeot 106 Puntese corse.

In Gruppo N è Lino Vardanega a rafforzare la leadership di campionato, attraverso la vittoria nella gara ascolana. Con la Mitsubishi Lancer, il trevigiano si è imposto per un secondo e 97 sul partenopeo compagno di squadra alla Rubicone Corse Giovanni del Prete, secondo in gara per un errore nel corso della prima salita e secondo in campionato con la Mitsubishi Lancer. Terza piazza di gruppo per il portacolori della Mendola, Maurizio Pioner, a 10″28, precedendo Achille Lombardi primo in classe N2000 con la Honda Civic Type R. Sul traguardo, Lombardi è davanti al friulano Michele Buiatti di un secondo, anch´egli alla guida di Honda Civic Type R. Raggiunge la prima affermazione stagionale in classe 1600 Cosimo Rea, aggiudicandosi il miglior tempo totale 5’59.67 con la Citroën Saxo Vts 1600, precedendo al traguardo di 1″30 Giordano Di Stilio, su Peugeot 106 S16 1600 Best Lap che a sua volta stacca il torinese Giovanni Regis, al terzo posto con la Peugeot 106 S16 vimotorsport.

La Racing Start ad Ascoli vede ancora al primo post oil dentista perugino Paolo Mancini, con la Renault Clio Rs, precedendo Medei e Monaldi. Quarta piazza assoluta ma seconda tra gli iscritti al campionato per la friulana Elena Croce, che dopo un anno al volante della Ferrari 360 è passata nel 2011 nella interessante categoria per le vetture strettamente di serie al volante di una Renault Clio Rs, con la quale ha preceduto a Andrea Marchesani su Fiat 500

Classifica Assoluta gara: 1. Faggioli (Osella FA 30 Zytek) in 4’23″12; 2. Merli (Picchio P4) a 7″15; 3. Nappi (Osella FA 30 Zytek) a 8″43; 4. Camarlinghi (Osella PA 30 Zytek) a 15″87; 5. V. Conticelli (Osella PA 30 Zytek) a 17″64; 6. Cassibba (Tatuus Formula Master) a 24″39; 7. Iaquinta (Osella PA21S) a 25″74; 8. F. Conticelli (Osella PA21) a 25″88; 9. Magliona (Osella PA 21) a 26″03; 10. Peroni (Lucchini P3 97) a 27″09

CIVM Classifiche di campionato, Assoluta: 1. Faggioli 56 punti; 2. Merli 49; 3. Nappi 39. Racing Start: 1. Mancini 45 punti; 2. Tacchini 26; 3. Croce 23. Gruppo N: 1. Vardanega 56; 2. Del Prete 40,5; 3. Lombardi A 34. Gruppo A: 1. Bicciato 60 punti; 2. Acunzo 44; 3. Cimarelli 28. Gruppo E1 Italia: 1. Giuliani 51,5; 2. Pandolfi 50; 3. Di Giuseppe 44,5. Gruppo GT: 1. Isolani 52,5 punti; Chiavaroli 47 classifiche in attesa di definizione. Gruppo E1 SS (Superstars): 1. Bedini 34 punti. Gruppo CN: 1. Magliona 54,5; 2. Iaquinta 27; 3. Marino A. 25,5. Gruppo E2B: 1. Merli 60; 2. Cassibba G. 35; 3. Rubino 22. Gruppo E2M: 1. Faggioli 52,5; 2. Nappi 45; 3. Cassibba S. 39. Coppa Dame: 1. Broccolini 34 punti; 2. Croce 29. Trofeo Under 25: 1. Cassibba F. punti 44; 2. Marino A. 25,5; 3. Conticelli 23,5.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

TEAM PUGLIA: SI LAVORA A PIENO RITMO IN PREPARAZIONE DEL CIVM 2019

Lombardi guiderà una nuova Osella PA21 JrB spinta dal Bmw 1000 della LRM motors con ...