Home » Rally » CIR » SORRISO A META’ PER CHRISTOPHER LUCCHESI AL RALLY DUE VALLI
SORRISO A META’ PER CHRISTOPHER LUCCHESI AL RALLY DUE VALLI

SORRISO A META’ PER CHRISTOPHER LUCCHESI AL RALLY DUE VALLI

Al volante della Peugeot 208 R2 della GF Racing, affiancato da Marco Pollicino, il pilota di Bagni di Lucca, al penultimo atto del Campionato Italiano ha ripreso ritmo dopo l’incidente del mese scorso in Sicilia ma non ha modificato la sua posizione di classifica.


Un bicchiere mezzo pieno con un poco di amaro in bocca, per Christopher Lucchesi, nel fine settimana appena passato, al 38° Rally “Due Valli”, penultimo atto del Campionato Italiano Rally, a Verona.

Il giovane di Bagni di Lucca, impegnato nella corsa riservata alle “Due Ruote Motrici”, insieme al suo copilota Marco Pollicino, ha finito la gara in quinta posizione nella classifica “due ruote motrici, di fatto non potendo cambiare nulla nel ranking provvisorio della corsa tricolore. Quinto era alla vigilia della gara, quinto rimane dopo questo penultimo impegno tricolore.

Sulla Peugeot 208 R2 della GF Racing per i colori della Project Team, Lucchesi e Pollicino, avevano avviato la sfida in decima posizione, ciò dovuto ad un’errata scelta di gomme nella prova inaugurale, problema ovviato con una decisa rimonta nonostante le difficoltà date dalla strada e dalla nebbia incontrata spesso lungo la competizione. In particolare ha convinto la reazione ad un avvio stentato, proprio perché il giovane rimontava in macchina dopo l’incidente alla Targa Florio del mese passato ed avendo purtroppo saltato la gara precedente del “Sanremo” annullato per il maltempo.

Una gara difficile da decifrare si è rivelata, quella di Verona, dove bisognava dare prova di forza e di carattere per cercare di tornare sul podio della categoria dopo il fuori programma in Sicilia lo scorso mese. Serviva soprattutto riprendere fiducia e ritmo e se da un lato, in questo, Lucchesi jr. c’è riuscito, dall’altro le condizioni estremamente difficili della competizione, strade rese al limite della praticabilità dal fango e dalla nebbia non hanno certo aiutato a raggiungere l’obiettivo del podio. Delle grandi difficoltà date dalla gara scaligera ne sono esempio i tanti ritiri eccellenti anche tra chi lottava per il titolo tricolore assoluto.


IL COMMENTO DI CHRISTOPHER LUCCHESI: «L’obiettivo che ci eravamo prefissati lo abbiamo mancato. Purtroppo la gara si è rivelata quella meno adatta per porsi un target così importante, considerato anche l’alto livello dei nostri avversari. Purtroppo la pioggia dei giorni precedenti ed i “tagli” che hanno riportato sulla carreggiata molto fango rendendo l’asfalto impraticabile sempre più ad ogni giro di prove, oltre alla nebbia, sono stati i nemici in più ad una voglia di riscatto che avevamo. Come moltissimi altri abbiamo sofferto la scelta di gomme per la prima prova e questo ci ha limitati molto, ma siamo comunque soddisfatti della reazione che abbiamo contrapposto sino alla bandiera a scacchi, appunto con la strada monto difficile. Diciamo che soprattutto a me, dopo l’incidente in Sicilia, serviva a livello mentale. Adesso ci concentriamo sull’ultima gara di stagione, una vera “chicca”, gli sterrati mondiali del Tuscan Rewind, chissà che non diano uno stimolo forte! Voglio infine ringraziare come non mai il Team, vettura perfetta, mai un problema, ma soprattutto ci hanno seguiti in questo momento che comunque era assai delicato. Grazie a loro e grazie anche alla mia famiglia che segue tutto quanto con grande passione”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Una foratura rovina la gara di Stefano Peletto e Massimo Barrera al Tuscan Rewind

Una foratura rovina la gara di Stefano Peletto e Massimo Barrera al Tuscan Rewind

Stefano Peletto: “Nella prima prova abbiamo compromesso la gara. Abbiamo comunque fatto una gara in ...