TCR ITALY

TCR ITALY | Mugello, Gara 2: Vince Ceccon. Ma Buri è il Campione 2021

Il vichingo di Target Competition, secondo in gara 2, vince con un punto di vantaggio su Kevin Ceccon. Sul podio di gara 2 anche Michele Imberti.


Non poteva esserci un finale migliore per il TCR Italy – Touring Car Championship 2021. Nella seconda gara sul circuito del Mugello è un susseguirsi di emozioni dalla partenza sino alla bandiera a scacchi. Continui cambi di posizione, contatti, sorpassi e un titolo deciso solamente negli ultimi metri di gara con Antti Buri che passa Michele Imberti per la seconda posizione e incamera i punti necessari a superare Kevin Ceccon in classifica assoluta. Un solo punto separa lo scandinavo di Target dal bergamasco di Aggressive Team italia che, comunque, si dichiara molto soddisfatto della stupenda stagione disputata con la Hyundai i30N. Sul terzo gradino del podio di gara 2 sale Michele Imberti (Elite Motorsport), per diversi giri ago della bilancia del campionato.

Al via della terza gara sono subito fuori dai giochi Nicola Baldan (Hyundai i30N – Target Competition) ed Eric Brigliadori (Audi RS3 LMS – BF Motorsport), due dei 5 pretendenti al titolo che, dopo un contatto con Marco Iannotta (Honda Civic – MM Motorsport), finiscono a muro all’uscita della San Donato. La gara è un continuo cambio di posizioni con Buri, Ceccon, Imberti, Poloni, Tavano, Soubek e Volt protagonisti di una battaglia tra le più infiammate della stagione. Alla fine Kevin Ceccon, giro dopo giro, riesce ad arrivare alle spalle di Michele Imberti e a superarlo, prendendo il comando della gara. Nel frattempo Buri recupera terreno dopo essersi sbarazzato dei suoi diretti avversari e arriva sul duo di testa. Ceccon è campione per mezzo giro, sino a quando Buri rompe gli indugi e passa Imberti per la seconda piazza. Alle loro spalle chiude Salvatore Tavano, in lotta per il titolo sino all’ultima gara dell’anno e costretto ad abdicare dopo 3 anni di successi.

In quinta posizione chiude Matteo Poloni, autore di una bellissima gara con Ruben Volt e Sandro Soubek. Ottavo, e primo tra le vetture DSG è Marco Butti che approfitta anche delle sfortune di Denis Babuin, terzo, ma già campione e Sabatino Di Mare che, nel corso della gara, si trova a dover fronteggiare un finestrino rotto sulla sua vettura.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker