Home » Pista » TCR ITALY » TCR ITALY, Mugello, Gara 2: Vittoria da incorniciare per Edoardo Cappello

TCR ITALY, Mugello, Gara 2: Vittoria da incorniciare per Edoardo Cappello

Al volante della Giulietta by Romeo Ferraris della Otto Motorsport Milano il pilota catanese firma il successo alla sua seconda uscita nella serie tricolore ed anche dopo un duello finale con il campione in carica Nicola Baldan e la Hyundai i30 N di Pit Lane Competizioni. Salvatore Tavano, terzo al traguardo sulla Cupra, sale in vetta alla classifica di Campionato. Matteo Greco sulla Cupra DSG è quarto al traguardo e primo per il Trofeo Nazionale.

Al termine di una gara che lo ha visto condurre con un’autorevolezza sorprendente, Edoardo Cappello, al suo secondo weekend di categoria, conquista la vittoria nella seconda gara del quarto round di TCR Italy corsosi al Mugello. Al volante dell’Alfa Romeo Giulietta by Romeo Ferraris schierata dalla Otto Motorsport Milano il pilota catanese si è lanciato al comando dopo la ripartenza dalla Safety Car, superando Federico Paolino, fino quel momento in testa sulla Hyundai i30 N di BRC dopo lo start dalla griglia per ordine inverso nelle prime otto posizioni finali di gara 1 ed infine controllando fino alla bandiera a scacchi gli attacchi di uno scatenato Nicola Baldan, sulla Hyundai di Pit Lane Competizioni.

Con una distanza di gara ridotta a 20 minuti + 1 giro (in luogo di 25 minuti + 1 giro) dietro richiesta del costruttore fornitore degli pneumatici in uso nel Campionato per le temperature anomale registrate al sabato, la bagarre è stata incandescente e concentrata in una manciata di giri.

Un tempo però sufficiente per Salvatore Tavano che conquista il terzo posto sul traguardo e soprattuto la vetta di Campionato Italiano al volante della Cupra di Seat Motorsport Italia, mentre il compagno di colori Matteo Greco, sulla vettura gemella dotata però del cambio stradale, è quarto al traguardo, auotre del giro più veloce e primo per il Trofeo Nazionale DSG dove Giovanni Altoè continua ad essere leader dopo il terzo posto di categoria e 14esimo assoluto sulla Audi RS3 Lms Dsg di Pit Lane Competizioni.

Marco Pellegrini, sulla Honda Civic di Target Competition, conquista invece la quinta posizione davanti ad Enrico Bettera (Audi RS3 Lms Pit Lane) che, dopo essere partito solo 14esimo, rimonta fino al sesto posto davanti a Paolino.

Dopo aver regolato la lotta accesissima per la Top-10, Andrea Argenti è ottavo sulla Opel Astra di South Italy Racing Team con la quale precede Eric Scalvini costretto a scivolare 16esimo e rimontare dopo aver dovuto schivare l’uscita della Civic del portoghese César Machado (Target) al primo giro.
Chiude la Top-10 Jürgen Schmarl sulla terza Honda di Target Competition, davanti a Lorenzo Nicoli sulla CIvic di MM Motorsport ed a Max Gagliano, 12esimo assoluto e secondo di DSG sulla Cupra.

Solo 13esimo Luigi Ferrara dopo essere partito dalla 22esima posizione in griglia per il ritiro di gara 1 sulla Giulietta by Romeo Ferraris di V-Action con la quale perde la leadership di campionato a -8,5.

LA CRONACA DI GARA 2
Alla prima curva di gara 2 Paolino conserva il primato su Cappello e Machado che poco dopo entra in contatto con Greco per un salto sul cordolo e si insabbia costringendo al fuoripista Scalvini, in quel momento subito dietro. Quarto e quinto salgono invece i protagonisti di gara 1 Baldan e Tavano davanti a Pellegrini, Argenti, Bettera, Nicoli e Schmarl, decimo. Dopo l’ingresso della Safety Car la ripartenza vede uno spunto furioso di Cappello che con la Giulietta riesce a sfilare Paolino, mentre Greco, primo di DSG, si accoda terzo davanti a Baldan, Tavano e Pellegirni tutti molto vicini. Alle loro spalle Argenti guida un gruppo scatenato per il settimo posto, mentre nella bagarre di testa Paolino deve cedere a Baldan, Tavano e Pellegrini. Bettera riesce ad avere la meglio su Argenti e si lancia all’inseguimento di Paolino per la sesta posizione. In testa invece Greco e Baldan sono ai ferri corti con il campione in carica che prova in più occasioni l’attacco fino al settimo passaggio quando riesce in uno spettacolare sorpasso all’esterno che vale la seconda posizione. L’operazione, con meno difficoltà, riesce anche a Tavano così terzo, mentre Bettera supera Paolino per la sesta piazza. Il finale è incandescente con Baldan che si lancia nella scia della Giulietta di Cappello, ma il pilota siciliano riesce a conservare una strepitosa prima posizione fino alla bandiera a scacchi. Terzo Tavano, quarto Greco, primo per il Trofeo Nazionale DSG, davanti a Pellegrini, Bettera, Paolino, Argenti, Scalvini e Schmarl decimo davanti a Nicoli ed a Gagliano, secondo di DSG.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

25 piloti all’Open Day dell’Alfa Romeo Giulietta TCR by Romeo Ferraris

L’orgoglio per i frutti del proprio impegno, e la convinzione di avere ormai un prodotto ...