Home » Salita » TEMPESTINI ED AUTOSPORT SORRENTO ANCORA PROTAGONISTI

TEMPESTINI ED AUTOSPORT SORRENTO ANCORA PROTAGONISTI

Il rallista si conferma ad alti livelli sulla Radical SR4 Evo di casa, trionfando nel primo round del campionato rumeno. Buon piazzamento anche per Dany Otil. In Coppa Primavera, vicini al podio Cataldo Esposito ed il buon rientrante Antonino Lucibello.

 

Sabato come domenica, il leader della timing list non ha cambiato connotati, con un dominio netto che mai ha fatto dubitare sulla maggiore competitività del duo Radical SR4-1600 & Simone Tempestini. Campionato Rumeno di velocità in salita, round 1 di Rasnov: dopo le avvincenti sortite del 2017, che avevano visto sul più alto scalino del podio lo stesso pilota italiano e Michele Esposito, arriva un’altra vittoria perentoria per la squadra sorrentina, da tempo intenzionata ad espandersi anche in quella zona geografica. L’efficacia estrema del bravissimo driver nell’interpretazione al limite di un percorso a tratti molto veloce e completato da tornanti secchi e curvoni in appoggio impegnativi, ha dimostrato una volta di più anche la bontà del database tecnico della barchetta britannica evoluta dall’AutoSport Sorrento. Non male anche il debutto in salita su una sport per Dany Otil, ancor man locale con pregresse esperienze con vetture turismo. Per lui un corretto e produttivo approccio alla doppia ravvicinata gara in pista a Binetto e poi in salita a Roslov, che rappresenta un viatico promettente per future uscite agonistiche.

 

Nell’appuntamento casalingo della Coppa Primavera, lo Sceriffo Cataldo Esposito confeziona un buon quarto posto finale a ridosso del podio, uno score positivo per la sua attuale desuetudine ad affrontare le postazioni, più avvezzo com’è alla guida in salita pura. Note liete arrivano anche dal notevole quinto posto assoluto di Antonino Lucibello, che mai aveva affrontato le insidie della strada fra Furore ed Agerola: Sono contento per la mia prestazione, perchè chiudere in quinta posizione su una strada che non avevo mai provato, lo considero un buon risultato. Un percorso veloce ed affascinante che non conoscevo neanche per transito quotidiano, ma che mi è subito piaciuto. La squadra come al solito si è dimostrata professionale ed estremamente attenta ad ogni esigenza, i ragazzi dello staff sono incredibili anche dal punto di vista umano e questo è per me un aspetto imprescindibile. La SR4 mi ha colpito in senso generale, ma soprattutto per quanto attiene alla frenata, davvero stabile ed incisiva. Questo mi dà fiducia per le prossime gare che vorrei disputare, perché credo di avere un buon margine di miglioramento delle mie prestazioni. Mi piacerebbe esserci a Croce di Cava, vedremo cosa succederà.

Francesco Romeo
as AutoSport Sorrento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

Il ruggito dei motori al 53esimo Trofeo Luigi Fagioli

A Gubbio sono in corso le verifiche per i 273 piloti iscritti all’ottavo round del ...