Home » Slalom » TRAPANI CORSE ANCORA PRIMA FRA I TEAM

TRAPANI CORSE ANCORA PRIMA FRA I TEAM

A Sciacca, terza vittoria stagionale di scuderia con gli acuti di Incammisa, Foderà e Ingardia. Il motor team siciliano, al secondo anno di attività, mostra il valido potenziale del proprio roster piloti.

Chi fa da sé, fa per tre. Ognuno dei soldati della truppa Trapani Corse in missione nello slalom di Sciacca Terme, valido per il Siciliano Slalom, ha assolto al meglio il proprio compito di giornata e ha confezionato così il terzo trofeo di scuderia anno solare 2017. Una soddisfazione corale che passa attraverso le performance dei singoli, bravi a lasciare la propria impronta nella classifica dello scorso week end di gara. Una tripla affermazione che arriva già a metà giugno, dando quindi il segno del piglio e del valore assoluto con cui ogni socio della Trapani Corse affronta qualunque appuntamento. Il Presidentissimo Nicolò Incammisa, dopo il bel successo di Sant’Angelo Muxaro, è tornato nella sua Custonaci con un appagante terzo posto assoluto, che dà continuità al suo trend positivo, a dispetto dell’età matura e di una professione altamente impegnativa.

Così il numero uno del team trapanese: “Sono contento per questo bel podio, colto dietro a due piloti velocissimi come Emanuele Schillace e Mimmo Polizzi, ben più giovani di me. Non potevo fare di più. A Sciacca ho bei ricordi, quando ad esempio mancai la vittoria di pochi centesimi per aver toccato un birillo nell’ultima manche, mentre ero secondo ad un soffio. Quando si tenta l’ultima zampata, può capitare. Tornando alla gara di domenica, ho centrato il miglior tempo nella seconda salita utile, ma anche nella terza mi sono praticamente ripetuto sullo stesso tempo. Lieto per me e per gli altri soci della Trapani Corse, che anche oggi hanno fatto benone. La Coppa di Scuderia è una soddisfazione importante per noi, visti i sacrifici che ognuno fà. Siamo una quarantina di appassionati coesi e credo che in soli due anni di attività il nostro bilancio agonistico possa essere già considerato positivo.

Soddisfatto ma non del tutto, malgrado il primo posto nella classe E2SS e un ottimo sesto posto assoluto, il tricampione siciliano kart Andrea Foderà: “Deluso non sono deluso, ma potevo fare meglio. Era la prima volta che correvo a Sciacca e quindi nelle prime due salite ho solo pensato a memorizzare ulteriormente il percorso, poi ho affondato il colpo nella terza e quarta sessione. Purtroppo in entrambe ho avuto un problema di pescaggio che mi ha fatto singhiozzare il motore. Credevo di aver risolto prima dell’ultimo stint, ma si è invece ripresentato il guaio anche negli ultimi decisivi km, facendomi arrivare quasi a metà potenza all’arrivo. Quest’anno ho cambiato il serbatoio della mia monoposto con quello spugnoso a norma, che necessita però di alcuni accorgimenti già suggeriti dal costruttore per non incorrere in queste problematiche. Felice comunque di aver contribuito in maniera decisiva alla vittoria di squadra. Ringrazio il presidente Nicolò Incammisa, il vice Nicola Tardia e saluto tutti i miei amici del team Trapani Corse.”

Settima piazza finale per Girolamo Ingardia, primo delle vetture Turismo, che ha saltato il concomitante appuntamento del Tricolore di Salerno, serie in cui sta dominando nella classe P2: “Ho dovuto rinunciare alla tappa dell’Italiano di Croce di Cava per penuria di sponsor, ed anche la prossima tappa veneta la salterò. Spero nelle ultime tre gare. Quanto allo slalom di Sciacca, tutto a posto, rispetto al materiale che avevo a disposizione. Ho fatto solo la prima e seconda manche evitando ricognizione e ultima salita, perché avevo le gomme ormai finite. Non aveva senso rischiare. Bene così e guardiamo ora alla bella gara di Castelbuono.”

Francesco Romeo
as Trapani Corse

Foto: Vincenzo Fanara

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

PILOTI PER PASSIONE: CIVM E CIS NEL 2020

Nello slalom tricolore di Melfi allo start Antonino Branca, Agostino Fallara e Gaetano Rechichi. Domenico ...