CIR

Tuscan Rewind, PS7: Scandola perde il comando. Ora è Rossetti davanti a Crugnola, con Basso quarto

Il pilota del CIRT paga 10” al c.o. in entrata al riordino. Quando manca una prova dal termine sono Rossetti-Mori (Citroen C3 R5) primi con 2.2” di vantaggio su Crugnola-Ometto (Volkswagen Polo R5). Giandomenico Basso-Granai (Skoda Fabia R5) a +3.7” al momento è quarto dietro a Scandola. Campedelli-Canton (Ford Fiesta R5) è quinto staccato a +16.2” dalla vetta.


Colpo di scena ad una prova dal termine del Tuscan Rewind. Il pilota del Campionato Italiano Rally Terra Umberto Scandola affiancato da Guido D’Amore sulla Hyundai i20 R5 aveva preso momentaneamente il comando della gara alla fine della PS7 “La Sesta”. Al rientro verso il parco assistenza però Scandola viene rallentato da una panne elettrica che gli causa un ritardo e conseguente penalità di 10’’ al c.o. d’entrata al riordino.

Dopo questo episodio la classifica cambia sensibilmente, soprattutto per quanto riguarda la lotta al titolo per il Campionato Italiano Rally. A prendere il primo posto è Luca Rossetti con Eleonora Mori su Citroen C3 R5 in 57’47.5. Tempo che gli garantisce un vantaggio di 2.2’’ su Andrea Crugnola e Pietro Ometto con la Volkswagen Polo R5. Al momento del riordino il terzo posto vede quindi Umberto Scandola e Guido D’Amore staccati di 2.9’’ da Rossetti proprio a causa della penalità di 10’’. Quindi il quarto tempo assoluto è di Giandomenico Basso e Lorenzo Granai su Skoda Fabia R5 a +3.7’’ di distanza da Rossetti. Una posizione indietro, quinto nell’assoluta, c’è Simone Campedelli con Tania Canton a bordo di Ford Fiesta R5 che paga un distacco di 16.2’’ dal miglior tempo. Sesto al momento Paolo Andreucci con Rudy Briani su Peugeot 208 R5 che continua la sua corsa al secondo posto per la classifica riservata ai piloti del CIRT. Terzo nel Terra ancora Giacomo Costenaro con Justin Bardini su Skoda Fabia R5, che si avvicinano anche alla top ten assoluta del Tuscan.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker