CIGT

ULTIMO ROUND DI VALLELUNGA DIFFICILE, STAGIONE OK: PER LORENZO FERRARI SI CONCLUDE UN TRICOLORE GT COMUNQUE RICCO DI SODDISFAZIONI

Un weekend definitivamente complicato quello di Vallelunga per Lorenzo Ferrari. L’ultimo appuntamento del Campionato Italiano Gran Turismo Sprint è stato un po’ lo specchio dell’intera stagione. Ottime prestazioni, un passo super competitivo… ma alla fine un titolo che non si è concretizzato. Proprio come era successo nella serie Endurance.
Il giovane pilota piacentino, al suo debutto quest’anno nel Tricolore GT, giungeva sul circuito capitolino ancora con delle possibilità concrete di puntare al titolo: 56 punti, contro i 70 del leader Riccardo Agostini (alla luce dell’appello rigettato dalla Audi e relativo alla tappa del Mugello), ma con il vantaggio di potere scartare due zero.
Però le cose per Ferrari, ancora una volta affiancato da Loris Spinelli sulla Mercedes-AMG GT3 Evo del team Antonelli Motorsport, sono andate in maniera differente da ciò che ci si attendeva.
Andando per ordine, subito bene le qualifiche, con Spinelli autore del miglior tempo nella prima sessione e Lorenzo velocissimo nel secondo turno, in cui è stato tra l’altro l’unico a scendere sotto il tetto di 1’34”. Risultato: una doppia pole straordinaria per la Mercedes della squadra emiliana, che ha inaugurato il weekend nel migliore dei modi.
In Gara 1 Spinelli è sfilato via al comando ed è rimasto in testa per tutta la durata del suo stint, prima di cedere il volante a Lorenzo. È stato in quel momento che l’intervento della safety car ha scombussolato i piani, facendo scivolare dietro di qualche posizione il pilota emiliano che in seguito è stato coinvolto in un contatto con la Ferrari di Giorgio Roda, rompendo una sospensione e finendo subito dopo senza colpe contro le barriere.
Nella seconda gara, a causa di un sorpasso in regime di neutralizzazione effettuato da Spinelli in Gara 1, Ferrari è stato retrocesso sullo schieramento di tre posizioni. A quel punto il piacentino si è reso consapevolmente autore di uno stint piuttosto cauto, scivolando quinto ben consapevole che le Lamborghini davanti a lui avrebbero dovuto scontare un handicap in tempo nel pit-stop, mentre altri due equipaggi erano Pro-Am. Questo significava che dopo i cambi Spinelli avrebbe potuto facilmente riagguantare tutti e quattro.
Ma questa volta, nel corso delle soste la Mercedes non si è avviata e si sono persi una trentina di secondi con il risultato che Ferrari non è riuscito a raccogliere un risultato migliore della sesta posizione. Si è così conclusa una stagione nella serie Sprint segnata positivamente da anche dalle due vittorie di Misano e Mugello.

Articoli correlati

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker