Home » Automotive » UN PIT STOP PER AMATRICE

UN PIT STOP PER AMATRICE

Dopo la gloria per le due imprese da Guinness dei Primati che gli hanno procurato notorietà planetaria con oltre 1,5 miliardi di contatti video, arriva l’impegno per la solidarietà. il pilota Fabio Barone, recente recordman su una Ferrari 458 stradale sulla strada più pericolosa al mondo, la Tianmen Mountain Road dei massicci montuosi cinesi e nel 2015 sulla celebre Transfagarasan dei Carpazi, sfiderà idealmente l’inferocita folla dei turisti al Colosseo, ma con la sola finalità di sostenere, attraverso la diffusione virale di un cortometraggio su YouTube, una raccolta di fondi da destinare ai terremotati di Amatrice.

L’appuntamento è per sabato 10 dicembre a Roma, in via dei Fori Imperiali, quando la Ferrari 458 Italia effettuerà un pit-stop con cambio gomme di fronte al Colosseo. L’evento – che è certamente destinato a catturare l’attenzione delle migliaia di passanti che ogni giorno affollano quella zona di Roma – sarà ripreso dalle videocamere dirette dal regista Sante Paolacci per incentivare le donazioni per la ricostruzione di Amatrice, colpita dal terremoto il 24 agosto e il 26 ottobre scorsi.

La sceneggiatura prevede un flash-mob iniziale, con uno staff di meccanici che si aggirano per via dei Fori Imperiali confondendosi tra la folla. La Ferrari 458 Italia si fermerà al semaforo con al volante Fabio Barone. I meccanici interverranno prontamente iniziando il cambio gomme, ma per l’operazione sarà necessario l’aiuto di alcuni passanti, che verranno coinvolti in questo inconsueto pit-stop. Al semaforo verde la Ferrari tornerà a sfrecciare su via dei Fori Imperiali davanti agli occhi increduli del pubblico. Il video si concluderà con il claim “Ci sono azioni che non possono aspettare. Dona anche tu!”.

Un iniziativa fortemente condivisa dal Comune di Roma fin dalle prime fasi.

Francesco Romeo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

KARTING IN PIAZZA A REGGIO CALABRIA

L’evento patrocinato da Fia e Aci raccontato dal presidente e dal direttore dell’esecutivo reggino.