CIR

Una foratura rovina la gara di Stefano Peletto e Massimo Barrera al Tuscan Rewind

Stefano Peletto: “Nella prima prova abbiamo compromesso la gara. Abbiamo comunque fatto una gara in crescendo, il traguardo l’abbiamo conquistato”


Ritorno faticoso su terra per Stefano Peletto al Rally Tuscan Rewind, andato in scena nel weekend appena trascorso. Il pilota ed imprenditore piemontese, in gara con la Citroen C3 R5, navigato da Massimo Barrera, è tornato a distanza di un anno sulla terra toscana, nell’ultimo appuntamento stagionale del campionato italiano rally terra, che per l’occasione si è disputato in concomitanza con il campionato italiano rally.

“Ci sono mancati i test collettivi del mercoledì, ma nonostante tutto, nel corso dello shakedown avevamo fatto un buon lavoro, – ha commentato Stefano Peletto-. Purtroppo, nel corso della prima prova ho forato l’anteriore destra pochi chilometri dopo lo start e da lì la gara è stata compromessa. Abbiamo perso troppo tempo sulla prima prova, arrivando a fine ps, la Castiglion del bosco 1 di 9 chilometri, con un ritardo di oltre due minuti dal leader della prova e con l’anteriore destra completamente squarciata. Cambiata la gomma in trasferimento con il mio navigatore Massimo Barrera, abbiamo comunque condotto una gara in continuo crescendo, con i nostri tempi che sono migliorati prova dopo prova. Abbiamo portato la vettura al traguardo, era questo il nostro obiettivo, anche perché, non avendo potuto fare i test del mercoledì e non avendo avuto altre occasioni di gareggiare su terra, non potevamo aspettarci di meglio. I raffronti cronometrici, soprattutto nell’ultimo giro di prove, ci hanno confortati e per questa stagione, va bene così. In gara, con i colori della mia azienda, avevamo anche una seconda C3 R5, guidata dalla giovane Tamara Molinaro, che ha ben figurato ed ha dato la paga anche a tanti altri equipaggi. Non posso infine che essere felice, per aver visto conquistare il titolo all’equipaggio che sponsorizzo da ormai due anni, Paolo Andreucci e Anna Andreussi, che a bordo della Peugeot 208 Rally 4, hanno conquistato il titolo di campioni italiani rally 2 ruote motrici. Peccato non aver potuto festeggiare il titolo terra, in cui Paolo, con la nostra livrea era al comando, purtroppo, la concomitanza con la gara del CIR ha rovinato i nostri sogni di gloria. Voglio infine ringraziare Lauria Impianti, Cafasso ed Adeos Group, amici prima di tutto, che con la loro sponsorizzazione ci hanno supportato per la realizzazione della stagione nel campionato italiano rally terra, adesso -ha concluso Stefano Peletto-, iniziamo ad organizzare la prossima stagione, per quest’anno può bastare così.”

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker