CIS

VENANZIO: “A GUBBIO DEBUTTO IN SALITA”

Il bicampione italiano a birilli, rompe gli indugi e con la propria Radical SR4 ulteriormente evoluta, raddoppia la sfida del tricolore slalom esordendo nella celebre crono umbra.


VENANZIO: “A GUBBIO DEBUTTO IN SALITA”Un desiderio che covava dal 2017, quello di debuttare nelle salite senza postazioni. Ma il campionato di quell’anno, caratterizzato da una quota prestazioni insufficiente, che non gli permetteva di difendere il suo secondo titolo italiano slalom vinto l’anno prima, il 2016, gli suggeriva di rimandare tutto a tempi più floridi. Dopo una stagione 2018 iniziata in modo tiepido e poi sviluppatasi con risultanti in crescendo fino alla sfida finale di Serrastretta, che gli fruttava il secondo posto finale del CIS, Venanzio ha ulteriormente affinato la sua SR4 1600.

La barchetta britannica del pilota di Massa Lubrense, interamente autogestita, ha ricevuto in inverno uno step motoristico revisionale da Gas39, nuovi mozzi e bracci, cinematismi leggermente modificati ed un aggiornamento complessivo di dettaglio. Ali, freni e diffusori più estremi, erano invece già retaggio della scorsa annata. Il feeling con le gomme Pirelli e’ in crescita ed il setting sospensivo della vettura, è stato definito già nei mesi passati attorno agli pneumatici milanesi. Gubbio e’ la gara preferita da Venanzio, che per il proprio debutto nel Civm predilige una sequenza breve ma veloce, come la strada umbra.

VENANZIO: “A GUBBIO DEBUTTO IN SALITA”Il programma stabile nel Campionato Italiano Slalom resta la sfida principale per questioni lavorative, viste le esigenze temporali molto più ridotte che la serie a birilli comporta, per ogni week end.

Disputata l’affascinante gara umbra dell’Italiano Salita in piena estate, il pilota campano valuterà poi di volta in volta quale altra sfida in pendenza affrontare.


Dopo i due Italian Radical Trophy in pista vinti negli anni scorsi ed altrettanti titoli italiani slalom conquistati, l’unico format che mancava a Venanzio era quella della velocità in salita.

Francesco Romeo

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker