Home » Slalom » VITTORIA, A SORPRESA, PER IL MESSINESE FRANCESCO SCHILLACE, NEL 1° SLALOM DI MONTALBANO ELICONA

VITTORIA, A SORPRESA, PER IL MESSINESE FRANCESCO SCHILLACE, NEL 1° SLALOM DI MONTALBANO ELICONA

Il portacolori della Tm Racing (sodalizio che si è aggiudicato inoltre la speciale classifica riservata alle scuderie) è stato autore di due manche prive di sbavature, al volante dell’agile biposto calabrese, precedendo al traguardo,  per poco meno di 4”, l’esperto trapanese Nicolò Incammisa (Radical). Sul podio pure l’altro peloritano Salvatore Giunta (Fiat 126). Tra i piloti locali ha svettato Salvatore Bellini, 6° assoluto con la sua Fiat 126 Suzuki, mentre in campo femminile la più veloce è risultata ancora una volta la messinese Angelica Giamboi (su Fiat X1/9). Grazie al suo successo colto in classe A1, il catanese Giuseppe Faro balza in vetta alla classifica assoluta provvisoria per lo Challenge Palikè 012, dopo tre prove. Soddisfazione, per l’ottima riuscita della kermesse, è stata espressa dai piloti (che hanno lodato le caratteristiche del percorso immerso tra la rigogliosa vegetazione del luogo), nonché dai promotori, il Team Palikè Palermo e l’associazione A.G.S. Santa Maria Montalbano Elicona. I due enti hanno ringraziato la Provincia regionale di Messina che aveva asfaltato ampie sezioni del tracciato alla vigilia della gara

 

Montalbano Elicona, 22 luglio – Vittoria forse un po’ a sorpresa, ma non per questo meno meritata, per il veloce messinese Francesco Schillace in occasione del 1° Slalom Città di Montalbano Elicona, kermesse al debutto nel panorama automobilistico siciliano, valevole quale terzo appuntamento stagionale per lo Challenge Palikè 2012 (ma con visibilità ovvia nel calendario agonistico varato da Aci Csai).

Il portacolori della scuderia Tm Racing Messina è stato autore di due manche senza sbavature sui quasi 3 km del caratteristico tracciato alle porte del paesino medievale nebroideo (inserito nell’elenco dei 90 Borghi medievali più belli d’Italia), in un crescendo costante di prestazioni velocistiche. Francesco Schillace, per la seconda volta al volante della sua nuova Elia Avrio ST10 Suzuki utilizzata quest’anno in luogo della precedente Fiat 126 Suzuki Prototipo, ha preceduto al traguardo per poco meno di 4” l’esperto trapanese Nicolò Incammisa, su Radical SR4 Suzuki, quindi l’altro messinese Salvatore Giunta, 3° assoluto a Montalbano Elicona nell’abitacolo della sua agile Fiat 126 Suzuki Max a guida centrale.

Schillace, alla sua prima affermazione assoluta colta sinora in carriera, ha ottenuto la sua miglior prestazione al culmine della seconda e decisiva manche, coperta con il parziale di 132,66 ‘punti-penalità’, abbassando di quasi 2” il precedente limite fatto segnare nella prima salita cronometrata. Sempre veloce e determinato, purtuttavia non abbastanza per contendere questa volta il primato al vincitore, è risultato il custonacese Nicolò Incammisa, “habitué” degli slalom siciliani e dello Challenge Palikè in particolare, nell’occasione secondo assoluto grazie alla prestazione fatta segnare nella prima manche, in 136,63 “punti-penalità”, perciò a 3”97 da Francesco Schillace, con la sua Radical SR4 Suzuki schierata dalla Catania Corse. Meritatamente sul podio è salito infine anche un altro coriaceo pilota messinese, Salvatore Giunta, il quale è sin da subito riuscito a ritrovare il giusto feeling alla guida della sua scattante Fiat 126 Suzuki Max “griffata” anch’essa Tm Racing, chiudendo la prima manche (poi risultata la migliore, a causa di una penalità inflittagli dai commissari di gara nella salita successiva) con il tempo di 137,60 “punti-penalità”, a poco meno di 1” dalla piazza d’onore di Incammisa ed a 4”94 dalla vetta della gara. Giunta si è comunque consolato con la vittoria finale conquistata con la sua prestazione nel gruppo Prototipi ed in classe P2.

Sorprendente, però non più di tanto per chi conosce le ‘performance’ sportive del pilota calabrese, è ancora la 4a piazza assoluta conquistata sui monti Nebrodi dal reggino Bruno Fallara, velocissimo alla guida della sua Fiat 127 Sport assemblata personalmente, con la quale ha “messo in cascina” anche il successo per il gruppo Speciale, in 138,46 “punti-penalità” (a soli 86 centesimi di secondo dal podio di Salvatore Giunta), precedendo lo scatenato messinese Salvatore Caristi. L’alfiere della scuderia Phoenix ha dimostrato ancora una volta di possedere innegabili qualità velocistiche, assicurandosi il 5° posto assoluto con la sua perfetta Peugeot 106 Gti 16v, ma soprattutto dominando letteralmente il gruppo A. Primo tra i piloti locali è risultato Salvatore Bellini, 6° assoluto alla guida della sua Fiat 126 Suzuki iscritta dalla S.G.B. Rallye di San Piero Patti, precedendo l’agrigentino (di Lucca Sicula) Giuseppe Bellomo, su Radical Prosport Kawasaki. Tra gli altri vincitori di gruppo, spiccano lo specialista nisseno (di San Cataldo) Maurizio Anzalone, 9° assoluto ma primo nel gruppo GTI con una Renault Clio Rs K “griffata” Motor Team Nisseno, l’altro specialista ragusano Salvatore Licitra (ancora una volta al comando del gruppo VSOA per vetture di scaduta omologazione, su Renault Clio Williams), il messinese Luca Ferro (il più abile nel gruppo N, su Peugeot 106 Gti 16v della S.G.B. Rallye), quindi il locale Giuseppe Leonte (sul gradino più alto del podio in VSON, sempre per vetture di scaduta omologazione, con una Peugeot 106 Rallye della Sant’Angelo Corse).

In campo femminile nuova affermazione per la messinese “figlia d’arte” (originaria di Novara di Sicilia) Angelica Giamboi, sempre più convincente alla guida della veloce Fiat X1/9 “ereditata” da papà Alfredo, con la quale ha concluso in sedicesima posizione assoluta (su 41 concorrenti regolarmente classificati), vincendo la classe S6. La citata Tm Racing Messina è risultata invece vincente nella speciale classifica riservata alle scuderie, ponendo in bacheca una nuova coppa, in questo caso davanti a S.G.B. Rallye San Piero Patti ed a Sant’Angelo Corse, sede a Sant’Angelo di Brolo, sempre nel Messinese. Grazie alla sua nuova affermazione colta a Montalbano Elicona per la classe A1, il pilota catanese Giuseppe Faro è al momento balzato in vetta alla classifica assoluta provvisoria dello Challenge Palikè 2012, dopo le tre prove sin qui disputate, a Serradifalco (CL), Castelbuono (PA) e appunto Montalbano Elicona.

Notevole soddisfazione, per l’ottima riuscita della kermesse, è stata espressa sotto lo striscione d’arrivo da tutti i piloti, i quali hanno avuto parole d’elogio per le pregevoli caratteristiche tecniche del percorso, immerso tra la rigogliosa vegetazione del luogo. Vivo compiacimento è stato altresì esternato dai promotori del 1° Slalom Città di Montalbano Elicona (al quale è stato abbinato il Trofeo Santa Maria, che prende il nome dalla frazione sede della kermesse), il Team Palikè Palermo, con al timone Annamaria Lanzarone, Nicola e Dario Cirrito e la locale associazione A.G.S. Santa Maria, coordinata dal presidente Franco Coppola. I due enti hanno inteso ringraziare la Provincia regionale di Messina, che aveva provveduto ad asfaltare ampie sezioni del tracciato alla vigilia della gara. Indispensabile pure il patrocinio offerto dal Comune di Montalbano Elicona rappresentato dal neo sindaco Filippo Taranto.

La classifica: 1) Francesco Schillace (Elia Avrio ST10 Suzuki) in 132,66 “punti-penalità” 2) Nicolò Incammisa (su Radical SR4 Suzuki), in 136,63 3) Salvatore Giunta (Fiat 126 Suzuki Max) in 137,60 4) Bruno Fallara (Fiat 127) in 138,46 5) Salvatore Caristi (Peugeot 106 Gti 16v) in 139,30 6) Salvatore Bellini (su Fiat 126 Suzuki) in 139,67 7) Giuseppe Bellomo (Radical Prosport Kawasaki) in 140,85 8) Pietro Livorsi (A112 Abarth) in 140,90 9) Maurizio Anzalone (Renault Clio Rs K) in 141,38 10) Domenico Gangemi (Fiat 127) in 143,09 11) Mario Trovato (su A112 Abarth) in 148,56 12) Giuseppe Salvà (Fiat Cinquecento Sporting) in 149,92 13) Enrico Parasiliti (su Renault Clio Williams) in 150,05, 14) Antonino Materia (Fiat 126) in 150,31 15) Salvatore Licitra (su Renault Clio Williams) in 150,42, 16) Angelica Giamboi (Fiat X1/9) in 150,53 17) Antonello Giammillaro (Peugeot 106 Rallye) in 151,86 18) Giuseppe Schepisi (Renault Clio Williams) in 152,14 19) Luca Ferro (Peugeot 106 Gti 16v) in 153,38 20) Silvestro Fucile (Peugeot 205 Rallye) in 153,49.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

PILOTI PER PASSIONE: CIVM E CIS NEL 2020

Nello slalom tricolore di Melfi allo start Antonino Branca, Agostino Fallara e Gaetano Rechichi. Domenico ...