Home » Slalom » VITTORIA ‘THRILLING’ PER IL TRAPANESE ANDREA RAITI (RADICAL) ALL’8° SLALOM CITTÀ DI BIANCAVILLA: SOLO 0”42 SU INCAMMISA

VITTORIA ‘THRILLING’ PER IL TRAPANESE ANDREA RAITI (RADICAL) ALL’8° SLALOM CITTÀ DI BIANCAVILLA: SOLO 0”42 SU INCAMMISA

Andrea Raiti (Radical SR4 Suzuki)Gara sempre incerta e dai forti connotati emotivi alle falde dell’Etna, anche se Raiti non ha mai lasciato troppo l’iniziativa in mano agli avversari.

Da incorniciare la prestazione offerta dall’esperto Nicolò Incammisa (Osella), parso quanto mai ispirato in questo inizio di stagione. Il podio è stato completato dal primo dei piloti di casa, il catanese Carmelo Leanza (Ncl Suzuki), piazzato terzo a 2”30 dalla vetta. Per quanto concerne gli altri gruppi di riferimento, successi per i messinesi Francesco Lombardo (Fiat 126 Suzuki, tra i Prototipi) ed Alfredo Giamboi (Fiat X1/9, in gruppo Speciale), per i nisseni Maurizio Anzalone (Renault Clio, in GTI) e Marcello Palermo (con la Peugeot 205 Rallye, gruppo N), per il catanese campione regionale in carica nello Challenge Palikè Giuseppe Faro (Fiat Cinquecento, in gruppo A), nonché per l’altro pilota etneo Davide Miraglia (Formula Gloria, gruppo E2M). Tra le “dame”, ipotetica affermazione della messinese Katia Di Dio (Fiat 127), sulla palermitana Patrizia Torregrossa. Riflettori puntati sul terzo atto della serie, il 5° Slalom Città di Caltavuturo, il prossimo 19 maggio

Biancavilla, 14 aprile – Poco più che un batter di ciglia hanno separato il vincitore dal piazzato nella 8a edizione dello Slalom Città di Biancavilla, secondo atto stagionale per lo Challenge Palikè 2013, serie ideata e promossa sul territorio dal Team Palikè Palermo. Miglior finale non si sarebbe potuto immaginare per questo slalom alle falde dell’Etna tornato dopo qualche anno ad essere inserito nel calendario automobilistico stagionale isolano. A imporsi come da pronostico della vigilia, ma con una vittoria “thrilling”, sul filo dei centesimi di secondo (per questo non meno meritata), è stato il forte trapanese Andrea Raiti, tornato quest’anno a calcare con maggiore regolarità i palcoscenici agonistici siciliani dopo un anno, il 2012, nel quale ha dovuto giocoforza limitare le sue presenze per motivi di lavoro.
Il pilota originario di Buseto Palizzolo, alfiere della scuderia Catania Corse, si è imposto in tutte e tre le manche in programma, alla sua seconda gara al volante della Radical SR4 Suzuki abitualmente usata dal fratello Pietro, dopo la buona esperienza di una settimana addietro a Torregrotta. Ma che fatica! Andrea Raiti ha coperto gli 1,8 km del tracciato in 80,80 “punti-secondi”, rifilando alla fine soltanto 0”42 al trapanese di Custonaci Nicolò Incammisa, secondo assoluto e particolarmente ispirato, in questo inizio di stagione, sulla sua Osella PA 21S Honda, “griffata” anch’essa Catania Corse. A completare il podio ci ha infine pensato il primo dei piloti di casa, il catanese (di Adrano, comune che dista soltanto una quindicina di chilometri da Biancavilla) Carmelo Leanza, pure lui abbastanza veloce nell’abitacolo di un prototipo Ncl Suzuki di costruzione propria. Leanza si è dunque piazzato terzo assoluto nella prova etnea, a 2”30 dalla vetta.
Sia pur con distacchi così risicati, Andrea Raiti non ha comunque mai lasciato troppo l’iniziativa in mano ai suoi avversari, alcuni dei quali condizionati nella prestazione dai troppi errori compiuti nell’affrontare la prova tra i birilli. Errori da cui non sono stati esenti né Incammisa (nella seconda manche), né Leanza (nella terza salita), ma comunque ininfluenti ai fini della vittoria assoluta. Andrea Raiti, come detto, ha meritato il successo pieno a Biancavilla, sciorinando una prestazione sempre all’altezza ed in continuo crescendo, alla quale gli avversari si sono potuti solo avvicinare, ma a relativa debita distanza. Per il busetano si tratta della prima affermazione quest’anno, l’ennesima di una carriera sin qui piena di soddisfazioni. Da incorniciare anche la nuova stagione di Nicolò Incammisa, che già si era imposto nella prima prova per lo Challenge Palikè 2013 sulla pista Concordia, non lontano da Agrigento, mentre Carmelo Leanza conferma i progressi fatti di pari passo con la sua biposto.

Quarta piazza assoluta, a Biancavilla, per un altro componente della famiglia Raiti, il già citato Pietro, fratello minore del vincitore Andrea. Alla guida di un’ennesima scattante Radical, sebbene in versione Prosport Suzuki, l’altro forte pilota busetano alla fine è andato vicino alla conquista del podio con una prestazione in rimonta, ma un malaugurato errore tra i birilli nella terza e decisiva manche, con relativa penalità da 10”, ha cancellato di fatto il terzo posto, rimanendo a 3”01 dal vincitore. Sarà per la prossima volta. Alle spalle di Raiti jr., perciò in quinta posizione assoluta, si è poi classificato il secondo dei piloti catanesi più in alto in classifica nella prova di casa, il belpassese Matteo D’Urso, già autore della migliore prestazione assoluta nella salita cosiddetta di ricognizione. Il pilota etneo non ha tuttavia avuto sorte nella seconda e nella terza manche, quando ha dovuto rinunciare a prendere il via a causa di noie tecniche alla sua Radical SR4 Suzuki, dovendo così accontentarsi del tempo realizzato nella prima salita.

In evidenza, al sesto assoluto, anche il ragusano (nato a Modica) Giuseppe Spadaro, autore di una prestazione regolare, pur non esente da problemi di varia natura, al volante della sua Radical SR4 Suzuki qui schierata da La Contea Racing di Modica, con la quale ha preceduto il giovane e veloce messinese (residente a Brolo, sulla riviera tirrenica) Francesco Lombardo, settimo assoluto e dominatore nel gruppo Prototipi nell’abitacolo della sua “pepata” Fiat 126 Suzuki a guida centrale iscritta dalla Ionia Corse Giarre. Per quanto concerne poi gli altri gruppi, successi da ascrivere all’albo d’oro per il catanese (di Aci Sant’Antonio) Davide Miraglia, su monoposto Formula Gloria B5 della Catania Corse (in gruppo E2M), per l’altro messinese (però di Novara di Sicilia) Alfredo Giamboi, il più veloce in gruppo Speciale con la fedele Fiat X1/9, per l’altro specialista nisseno (vive e lavora a San Cataldo) Maurizio Anzalone, vincitore in gruppo GTI con la Renault Clio Rs K del Motor Team Nisseno, per l’altro catanese (campione regionale in carica nello Challenge Palikè 2012) Giuseppe Faro, il quale si è imposto con la sua Fiat Cinquecento Sporting Catania Corse in gruppo A.

Ed ancora, affermazioni per l’altro nisseno (ma originario di Serradifalco) Marcello Palermo, primo in gruppo N su Peugeot 205 Rallye del Serradifalco Team Racing, infine per Vincenzo Scandaliato, unico partecipante (ma non meno meritevole e pertanto vincente) nel gruppo Storiche dello Challenge, al volante della sua splendida Bmw 2002 Tii. La Catania Corse ha ancora dominato la speciale classifica riservata alle scuderie, precedendo la Puntese Corse e La Contea Racing Modica, giunta terza. Per quanto riguarda infine la coppa “Dame”, successo ipotetico per la messinese “figlia d’arte” (è nata e vive a Novara di Sicilia) Katia Di Dio, la quale, con la Fiat 127 iscritta in classe P1 preparata da papà Nunzio, si è presa la soddisfazione di superare la palermitana (residente a Petralia Soprana) Patrizia Torregrossa, consorte del già citato catanese Giuseppe Faro, sulla Fiat Cinquecento Sporting della Catania Corse.

L’8° Slalom Città di Biancavilla è stato organizzato con la sua proverbiale esperienza dal Team Palikè Palermo (con al timone Annamaria Lanzarone, Nicola, Dario e Roberto Cirrito) con l’indispensabile patrocinio assicurato dall’Amministrazione comunale di Biancavilla, rappresentata dal sindaco, Giuseppe Glorioso e dall’assessore allo Sport, Giuseppe Pappalardo.

Si apriranno sabato 20 aprile le iscrizioni in vista del 5° Slalom Città di Caltavuturo, sulle Madonie palermitane, terza tappa per lo Challenge Palikè 2013, un altro tra gli appuntamenti ‘slalomistici’ più attesi qui in Sicilia, in programma il 19 maggio. Il calendario prevede poi in successione il 2° Maxislalom Pista Concordia (il prossimo 2 giugno), il 2° Slalom Città di Serradifalco, nel Nisseno, il 16 giugno, quindi il 5° Slalom Città di Castelbuono, di nuovo sulle Madonie, il 7 luglio, sesto appuntamento con lo Challenge Palikè, ma soprattutto competizione promossa quest’anno con merito a validità per il Trofeo centro sud Slalom, che assegnerà altresì i punti relativi alla Coppa Csai sesta zona.

La classifica: 1) Andrea Raiti (Radical SR4 Suzuki) in 80,80 “punti-secondi” 2) Nicolò Incammisa (Osella PA21S Honda) in 81,22 3) Carmelo Leanza (Ncl Suzuki) in 83,10 4) Pietro Raiti (Radical Prosport Suzuki) in 83,81 5) Matteo D’Urso (Radical SR4 Suzuki) in 84,38 6) Giuseppe Spadaro (Radical SR4 Suzuki) in 85,42 7) Francesco Lombardo (Fiat 126 Suzuki) in 85,49 8) Davide Miraglia (Formula Gloria B5) in 87,28 9) Alfredo Giamboi (Fiat X1/9) in 89,37 10) Salvatore Longo (A112 Abarth) in 90,59 11) Giuseppe Salvà (su Radical Prosport Suzuki) in 91,94 12) Maurizio Anzalone (Renault Clio Rs K) in 91,96 13) Antonio Musumeci (su Elia Avrio ST09 Suzuki) in 92,82 14) Nicolò Viro (Fiat X1/9) in 93,17 15) Luigi Santonocito (Elia Avrio ST09 Suzuki) in 93,21

Ufficio stampa team palikè

Flavio Lipani 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

PILOTI PER PASSIONE: CIVM E CIS NEL 2020

Nello slalom tricolore di Melfi allo start Antonino Branca, Agostino Fallara e Gaetano Rechichi. Domenico ...