Home » Rally » WRC » WRC | PEDRO E BALDACCINI CONCLUDONO UN DURISSIMO RALLY DI TURCHIA

WRC | PEDRO E BALDACCINI CONCLUDONO UN DURISSIMO RALLY DI TURCHIA

“Pedro” ed Emanuele Baldaccini con la Ford Fiesta MKII WRC 3 di M-Sport tagliano il traguardo di una durissima edizione del Rally Turkey Marmaris, cogliendo un ottavo posto nel quinto appuntamento del Campionato del Mondo Rally

Il Rally Turkey Marmaris ha mantenuto fede alle premesse di gara dura per uomini e mezzi, e sotto questo punto di vista non ha non ha fatto sconti a nessuno.

In un contesto così definito, già vedere il traguardo dove equipaggi più esperti hanno fallito si può definire un successo.

Ma oramai per “Pedro” la voglia di chiudere ancora più avanti in classifica questa volta fa “bruciare” un po di più questo risultato: “Abbiamo avuto tre forature durante la gara – inizia a spiegare il pilota bresciano – una sappiamo come è successo, ma le altre sinceramente proprio non ne abbiamo idea: siamo stati attenti per tutta la gara a non commettere errori, ma queste forature ci hanno fatto perdere veramente troppo tempo.”

Il percorso è stato proprio l’arbitro super partes che ha deciso il risultato della gara per molti equipaggi come racconta “Pedro”: “Il nostro obbiettivo era chiaramente concludere il rally e perciò siamo stati particolarmente accorti, ma in alcuni tratti dovevamo proprio girare attorno alle pietre tanto erano grandi, dovevi proprio dimenticarti di linee e traiettorie e pensare solo a salvare la vettura. Ai parchi assistenza – prosegue il portacolori di M-Sport – non ho mai visto così tante auto letteralmente “consumate”, disintegrate anche se non avevano avuto incidenti, era tutto un via vai di braccetti, sospensioni ed altri particolari meccanici, e per le Plus non parliamo delle appendici aerodinamiche che praticamente a fine prova non esistevano più. Tornando al tracciato di gara, in alcuni tratti è anche capitato che al nostro passaggio invece di trovare i famigerati canaloni scavati dalle Plus, il percorso praticamente non esisteva più! E così dovevamo solo sperare che il fondo tenesse al nostro passaggio senza magari che ci spedisse fuori strada.”

Scendendo più nei particolari della loro gara “Pedro” racconta perchè le forature sono state un calvario più che in altre occasioni: “La prima foratura è arrivata a 4 chilometri dal termine della prima prova, abbiamo proseguito, ma le pietre sono arrivate a strappare anche il cerchio, ed alla fine abbiamo percorso gli ultimi 800 metri di speciale su tre ruote. Un’altra, delle tre che abbiamo avuto, è stata la più pesante in termini cronometrici perchè è capitata a 18 chilometri da fine prova, abbiamo perso tempo per trovare un punto dove poter fermarci per sostituirla. Dopo che ce l’abbiamo fatta, poco prima di ripartire ci sorpassa un concorrente così che abbiamo fatto il resto della prova in mezzo ad una polvere fittissima che ci ha costretto anche praticamente a fermarci un paio di volte per riuscire a vedere fuori dalla vettura.”

Proprio la polvere ed il caldo sono stati un altro tema ricorrente di questa tappa del Mondiale Rally: “Le temperature esterne si aggiravano sempre sui 38 gradi, in abitacolo si superavano anche i 50, a questo va aggiunta una polvere continua e costante che oltre a non farti vedere nulla si attaccava dappertutto. Sotto questo punto di vista però posso dire di essere soddisfatto – prosegue – perchè ho visto che tutta la preparazione che ho fatto e sto facendo è servita, perchè fisicamente non ho avuto problemi, al contrario di altri piloti anche più giovani di me che hanno patito molto questa situazione.”

La gara turca ha permesso anche all’equipaggio italiano di prendere i primi punti iridati del 2020 per la classifica del WRC3, in una stagione alquanto particolare anche per il WRC e che vedrà “Pedro” ed Emanuele Baldaccini scendere di nuovo in gara già tra poco meno di due settimane sugli sterrati di casa del Rally Italia Sardegna, per un finale che si preannuncia ancora molto interessante per loro, soprattutto dopo alcune dichiarazioni di Richard Millener, il team principal di M-Sport, che al termine della gara ha parlato di una possibile sorpresa che potrebbero fare a “Pedro” ed Emanuele prima del termine della stagione iridata.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Sardegna amara per “Pedro” ed Emanuele Baldaccini

Termina anzitempo la sesta prova del Campionato del Mondo Rally 2020, per i portacolori italiani ...