Home » Pista » WTCR » WTCR | MICHELISZ: “CORRO ONLINE E INSEGNO L’ALFABETO”
Norbert Michelisz

WTCR | MICHELISZ: “CORRO ONLINE E INSEGNO L’ALFABETO”

La stagione 20202 del WTCR è attualmente sospesa causa pandemia di Coronavirus, dunque Norbert Michelisz è fermo a casa. Vediamo come sta passando il tempo il pilota della Hyundai Motorsport.

Dove sei ora?
“A casa mia in Ungheria, sono le 13;30 ed è il momento in cui io e mia moglie possiamo riposarci perché le nostre figlie sono a letto. Di solito vado fuori a correre”.

Riesci a tenerti in forma nonostante le restrizioni?
“Al mattino non possiamo andare nei negozi, è consentito solo agli anziani, mentre al pomeriggio sì; sono fortunato perché abito vicino al centro e a 100 metri da casa ho il bosco, quindi posso andare a passeggiare. La cosa bella è che il meteo ora è ottimo, quando si esce dobbiamo solamente tenere le distanze”.

L’abbigliamento che utilizzi com’è?
“Ho alcuni pesi, ma non mi divertono molto. Per me la cosa migliore è uscire a correre perché stando a casa mi rendo conto che mangio più del solito! Quindi per non ingrassare è meglio andare fuori a correre! Una volta a settimana faccio sollevamento pesi, mentre tre o quattro volte esco per una corsa di 35-40 minuti”.

Le tue figlie di danno da fare?
“Più o meno! Anche se non mi va di fare nulla, alla fine mi danno da fare! Ma va bene, nella seconda metà della stagione scorsa sono stato molto impegnato e pensavo alla lotta per il titolo. Ora ho tempo per leggere libri, guardare la TV e giocare ai videogame. La più grande, Mira, sta imparando l’alfabeto e in 10 giorni siamo al 90% del lavoro. Ha 3 anni e debbo ammettere che sono orgoglioso dei suoi progressi”.

Fai l’insegnante?
“Sì, non avrei mai immaginato, ma l’atmosfera è rilassata ed è bello sedersi in tranquillità per 5 minuti, poi corrono per 30′ e si ricomincia”.

Come fai a tenerti allenato per le corse?
“Faccio gli eSports; il WTCR ha lanciato il campionato online e abbiamo corso la prima gara. Ho un buon equipaggiamento da un paio d’anni, ma mia moglie era incinta di Emma al tempo, dunque ho dovuto smontarlo perché ci serviva spazio. E’ costato €12-15.000 e ci giocavo spesso, quando mi hanno detto che il WTCR avrebbe lanciato gli eSports sono andato a comprare un volante. Non è uno dei migliori, ma ho un simulatore con pedaliera idraulica che si collega al computer, mentre i pedali li fisso al tavolo. Quando ci trasferiremo in una casa più grande però voglio tornare al mio vecchio equipaggiamento”.

Hai preso seriamente Esports WTCR…
“Sì, ho chiamato il mio nuovo ingegnere per capire come raccogliere i dati, come fosse reale! E’ bello e mi manca molto la competizione e guidare una macchina, la pressione del weekend, eccetera. Molto di tutto ciò l’ho ritrovato online, in questo modo posso tenere il ritmo”.

Hai provato anche altre cose, tipo cucinare?
“Non molto, sinceramente, però è una bella domanda! Oggi ho preparato il secondo, mentre mia moglie faceva il primo, solo che le mie figlie non hanno mangiato molto e probabilmente non mi è venuto bene… mi è toccato finire tutto!”

Che messaggio dai ai tuoi fan?
“La cosa importante e non smettere di pensare agli altri e che torneremo alla normalità. Non si sa quando e per me questa è la cosa più difficile, ma sto imparando a portare pazienza. Ho capito che la società ha un po’ perso questa cosa, a volte annoiarsi a casa non fa male. Mi mancano molto le gare, ma mi sto adattando ad una nuova esperienza che ci consentirà di tornare più forti”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

WTCR TROPHY

WTCR | ANTEPRIMA GP DI SPAGNA

La stagione 2020 del WTCR  entra nella fase decisiva con il round del MotorLand Aragón, ...