Home » Salita » ZAMMIT D’ALTA QUOTA

ZAMMIT D’ALTA QUOTA

Alle tante salite sprint della sua Malta, preferisce la leggendaria Trento-Bondone, sua gara icona, che disputa ogni anno sulla Radical SR4 Evo-1600 dell’AutoSport Sorrento. Obiettivo 2020, abbattere il muro dei 10’ minuti sulla sport car della factory campana.

Nel garage proprio custodisce una ProSport, mentre nelle officine di Sarno lo aspetta in tre dei 365 giorni l’anno, la sorellina SR4 di mamma AutoSport Sorrento, come ama  chiamarla Mattew Zammit, pilota estemporaneo del Civm con l’inguaribile vizietto della, per lui sacra,  Trento-Bondone.

Le norme della sua Malta premiano le prestazioni pure, concedendo un peso di 4 quintali netti alle barchette mediane contro i 450 kg a cui sono assoggettate le E2SC europee, quando corrono in regime di velocità in salita FIA. In tutto il resto del passaporto però, il simpatico e gioviale Zammit predilige il corredo tecnico proposto dalla squadra fondata da Tonino Esposito: Posseggo una bella ProSport, che le norme locali mi permettono di far pesare 400 kg precisi, con cui potrei correre le tante salite sprint che si fanno in zona, ma il sapore della sfida che si vive in una strada stupenda quale la Trento-Bondone, non ha eguali, secondo me. Le macchine che escono dalle officine di Sarno sono sensibilmente più evolute, aggiornate, precise e settate della media. Anche se pesano mezzo quintale in più di quelle nostre, isolane. Me ne accorgo in modo lampante quando mi arrampico verso la vetta del Bondone, quanto tutto sia equilibrato e tarato alla perfezione. Oltre al valore della preparazione della macchina poi, c’è quello dei ragazzi dello staff, che sanno coniugare la preparazione tecnica con la passione e la comprensione delle esigenze di ogni pilota, occasionale o esperto che sia. Il clima familiare che si respira in quella squadra ti aiuta moltissimo, perché non ti senti “in dovere” di fare il tempo ma ci arrivi gradatamente ed armonicamente con le indicazioni dell’ingegnere, del capo-tecnico e di tutti i ragazzi, che lavorano nella stessa direzione e sanno tirare fuori il meglio da ognuno. Al Bondone adoro il tratto più veloce e la SR4 risponde benissimo, così come nel settore più guidato. Quest’anno il maltempo mi ha impedito di cercare di scendere sotto i 10’, come è successo per molti altri piloti, ma per il 2020 l’obiettivo è certamente quello.

Con la bontà della SR4 e delle gomme Avon, è un obiettivo assolutamente alla portata.

Francesco Romeo
As AutoSport Sorrento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*

x

Check Also

Il Dragone ATS torna in pista con una nuova macchina da corsa leggera e davvero potente

Fedele alla sua storia e alle sue origini, ATS Corsa, la nuova divisione di ATS ...